Cerca

Silvio all'attacco

Pdl, Berlusconi: "La mia decadenza un omicidio politico. Alfano e ministri ricordino Fini"

Silvio Berlusconi

Silvio alla resa dei conti: visto da Benny

"Ricordino com'è finito Fini". Silvio Berlusconi torna a parlare e in un'intervista all'Huffington Post lancia un messaggio ad Angelino Alfano e alle colombe da far tremare i polsi. Perché dietro ai toni concilianti e ragionevoli ("Ascoltino cosa pensano i nostri elettori, è a loro che devono essere leali, non a me") il Cavaliere fa capire che lui, a passi indietro, non pensa minimamente. E l'atteggiamento intransigente su decadenza e legge di stabilità arriva a poche ore dall'intervista a Sky in cui lo stesso Alfano assicurava che parte del Pdl avrebbe sostenuto il governo anche dopo il voto di decadenza di Berlusconi. La frattura tra l'ex premier e il suo delfino, anzichè saldarsi, si fa ogni giorno più grande.

"Omicidio politico" - "Come può pretendere il Partito democratico che i nostri senatori e i nostri ministri continuino a collaborare con chi, violando le leggi, compie un omicidio politico, assassina politicamente il leader dei moderati?", spiega Berlusconi nell'intervista. Il voto sulla decadenza potrebbe dare vita a una maggioranza alternativa, con una parte di senatori e deputati del Pdl pronti a staccarsi dal grosso del partito e sostenere l'esecutivo, senza più Berlusconi. Il ricordo di quanto accadde nel 2010, con la nascita di Futuro e Libertà, è freschissimo: 
"Se si contraddicono i nostri elettori, non si va da nessuna parte. Anche Fini e altri ebbero due settimane di spazio sui giornali, ma poi è finita come è finita. Ripeto: è nel loro interesse ascoltare cosa dicono i nostri elettori, per non commettere errori che li segnerebbero per tutta la vita. E ricordino che il tema non è tanto quello di essere leali a Silvio Berlusconi, ma quello di essere leali ai nostri elettori e ai programmi su cui ci hanno dato il consenso".

Il nuovo partito - Lunedì a Villa Gernetto il Cav ha convocato le "forze nuove", quelle chiamate a far rinascere Forza Italia. "Non rottamo, non sono uno sfasciacarrozze. Valorizzerò al massimo le capacità di ciascuno - precisa Berlusconi -. Nel nostro movimento esiste un patrimonio di persone, di parlamentari, di consiglieri regionali, provinciali e comunali, di dirigenti sul territorio, di militanti che va assolutamente salvaguardato. A questo patrimonio dobbiamo cercare di aggiungere altri protagonisti del mondo dell’impresa, delle professioni, della cultura, del lavoro, per rinnovare la nostra passione e il nostro entusiasmo e fare sempre di più". Lo spirito è quello del 1994 e i modelli i due grandi partiti americani: "Da un lato, la presenza capillare sul territorio, anche con i nostri Club fino nei comuni più piccoli. Dall'altro, oltre ai media tradizionali (tv, radio, giornali), la grande realtà di Internet, della rete e dei social network". Il Pdl è il passato: "E' nato per riunire 21 formazioni del centro destra. Ha svolto la sua funzione, ma molte formazioni se ne sono andate o sono addirittura sparite. Inoltre nella comunicazione non veniva mai usato il nome intero fatto di due bellissime parole: popolo e libertà". 


 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Frenki

    12 Novembre 2013 - 22:10

    Quando non si hanno proprie idee fatalmente si da del comunista a tutti e si offendone le persone morte. Bel personaggio sei... e parteggi per il delinquente che ti ha fregato nelle tasse, si...caro Tobyyy o sei anche tu un evasore oppure non comprendi che ti ha fregato il caro Berlusca, perchè se paghi onestamente le imposte sappi che una quota in più di quello che paghi è quella che ti ha fregato il tuo amico. Pertanto come vedi o sei un suo compagno di merende oppure, anche tu, uno dei tanti fregati italiani che non si accorgono di averlo preso nel didietro, perdonami per il termine.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    12 Novembre 2013 - 20:08

    Gentile Tobyyy, purtroppo i piddini alla renatino e company sono peggiori dei comunisti dell'Urss dove purghe, epurazioni erano all'ordine del giorno, i capiscioni imbavagliano la verita e diffondono solo falsita', minando la salute mentale di personaggi ambigui.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    12 Novembre 2013 - 17:05

    Ma che dici, quello lì, è un bravo ragazzo...quando dorme, mentre invece, quando è desto, è uno dei capi maiali zozzoni comunisti, che offende chiunque non la pensa come lui ed insulta a prescindere...! Sa tutto lui e capisce tutto lui, ed è come il sorgo: spremi spremi, ma non produce olio....! È un capiscione nato, ma più piscione che capone...! Poverino, ha una malattia rara, la berlusconite acuta...vede Berlusconi ovunque e se lo sogna perfino di notte come gli asini, che si sognano la biada o certi veggenti fanfaroni come lui...!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    12 Novembre 2013 - 17:05

    Cazzo compagno che analisi eloquente....! Sono sempre più convinto che i tuoi compagni comunisti, fra i tanti danni arrecati al Paese, che pagheranno i posteri per lungo tempo, è stato anche quello di chiudere i manicomi , forse, sapendo già, che invecchiando, saresti andato via di testa per tutta la cocaina e alcool che ti cucchi ....! Ma non avevano nient'altro da fare quei poveracci dei tuoi genitori anziché metterti al mondo...? In questi casi patologici, l'unica soluzione, sarebbe stata quella di tagliarsi le palle, ed in subordine, arrostirle in graticola piuttosto che generare canaglie prezzolate della tua taglia....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog