Cerca

Il Pdl si spacca davvero

Pdl, Berlusconi: "Chi vuole è libero di andarsene"

Pdl, Berlusconi: "Chi vuole è libero di andarsene"

Silvio Berlusconi si prepara per la resa dei conti. A poche ore dal Consiglio Nazionale di sabato, il Cav cerca ancora di evitare la scissione. Che però sembra ormai cosa fatta. Il segretario del Pdl Angelino Alfano e il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, sono andati a Palazzo Grazioli per un incontro con il leader. Si tenta l'ultima mediazione per scongiurare la resa dei conti finale e cercare di trovare un accordo sul come affrontare il nodo della decadenza e nello stesso tempo garantire le larghe intese. 

Andate pure - Ma a quanto pare "il dado è tratto", lo ha spiegato Roberto Formigoni. Il Cav parla già al passato: "Ho cercato l'unità del partito ma non so se il mio tentativo ha ottenuto risultati". Insomma la scissione ormai è dietro l'angolo. L'ultimo appello di Silvio all'unità pare non essere servito a nulla: "Domani dal palco ripeterò ancora una volta le ragioni per cui è indispensabile restare uniti e lottare insieme per unire i moderati. Dovremo lavorare insieme per rilanciare i valori profondi in cui crediamo, quelli che ci hanno tenuto insieme per venti difficili anni. L'efficienza coniugata con l'equità, la meritocrazia e la solidarietà, la giustizia e la libertà, insomma l'orgoglio di lavorare per un Paese diverso e migliore'', ha affermato il Cav. Che poi ha aggiunto: "Chi non si riconosce nei valori del partito è libero di andarsene". Un messaggio, chiarissimo, ai filogovernativi-

La scissione 
- Su questo punto la spaccatura con le colombe appare ormai insanabile. Berlusconi è chiaro: "Chi non si riconosce nei nostri valori è libero d'andarsene. Ma chi ancora ci crede ha il dovere di restare e combattere perché questi valori trionfino finalmente nel nostro Paese. Percheé ora piu' che mai, in questo momento buio per l'economia e per la giustizia, ora più che mai - ha ribadito - tutti insieme dobbiamo difendere la nostra libertà, dobbiamo batterci con Forza Italia, perché siamo convinti che la difesa della libertà e' la missione più alta, piu' nobile e più entusiasmante che ci sia''. Poi parla di Forza Italia: "Non cambierò io, non cambierà Forza Italia. Se così non fosse, se Forza Italia diventasse qualcosa di diverso, di piccolo e meschino, se diventasse preda di una oligarchia, se rischiasse una deriva estremista, sarei io che l'ho fondata a non riconoscermi più in questo progetto". 

"Interessi vili e meschini" - Quindi l'ultima bordata a chi vuole la scissione: "Ora vi chiedo dopo lo spettacolo che la nostra classe dirigente ha offerto in queste ultimi giorni, perche' un padre di famiglia, una donna, un giovane dovrebbe raccogliere questo appello. Perche' i moderati italiani dovrebbero unirsi a noi, quando fossimo noi i primi a dividerci. In questi giorni ho ascoltato le ragioni di tutti. Con la pazienza che tutti mi riconoscono ho cercato di trovare soluzioni che uniscano, spesso senza comprendere neppure le ragioni di una divisione. Basta interessi di parte vili e meschini''. Un messaggio rivolto a chi vuole la scissione e sostenere il governo. Berlusconi fa le liste: buoni e cattivi. O con lui o contro di lui. La rottura è cosa (quasi) fatta.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • disillusa

    15 Novembre 2013 - 22:10

    Finalmente una buona notizia! Che palle, 'ste colombe! E che palle, 'sti moderati! Berlusconi oggi ha vinto alla lotteria con Alfano che si leva dai maroni. Ora c'è solo da sperare che il partito del Cavaliere si allei con le forze di destra...tutte

    Report

    Rispondi

  • raf1943

    15 Novembre 2013 - 17:05

    Si sapeva da tempo che per tutti gli incollati alle rispettive poltrone appartenenti al PDL(alcuni ministri tipo Quagliarello e Lorenzin,alcuni ministerialisti rimasti senza una poltrona ambita,tipo Cicchitto e Formigoni,avrebbero utilizzato qualsiasi occasione,parola o circostanza,per tirare la volata verso la scissione pur di restare ancora un poco a scaldarsi al sole del potere!!Persino la buona volontà,totale assoluta di Berlusconi,la sua chiarezza unita a quella di Fitto ed altri lealisti(erso il leader ma soprattutto erso gli elettori di centrodestra)sarebbero state usate come alibi per farsi il partitino proprio(come fini,l'altro ieri)magari insieme a qualche altro partitino,per continuare a coltivare un proprio o,senza dover rendere conto a nessuno!Si sono inentati come dei piccoli berlusconi,senza averne minimamente la statura!!Finiranno come Casini,Fini,Monti,Bersani,eltroni e tanti altri piccoli personaggi, senza arte nè parte,come ha dimostrato la storia politica recente!!

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    15 Novembre 2013 - 17:05

    voterò la nuova Alleanza Nazionale o come si chiamerà comunque voterò per Storace-Romagnoli-Musumeci.

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    15 Novembre 2013 - 17:05

    e senza giusta causa!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog