Cerca

La rilevazione

Sondaggio Ipso: Alfano e Ncd al 10,5%

Angelino Alfano

Angelino Alfano

Il Corriere della Sera lancia Angelino Alfano e la sua nuova creatura, Nuovo centrodestra. Parla il sondaggio dell'istituto Ipso di Renato Mannheimer, che accredita il partito di un 10,5%, una percentuale sensibilmente più alta rispetto a quella delle altre rilevazione effettuate nei primissimi giorni che hanno seguito la scissione (per esempio, il sondaggio del TgLa7 di lunedì sera, quotava Ncd al 7,1 per cento). Ipso però sottolinea: "Si tratta di un dato legato alla novità del movimento. In occasione della nascita di altri partiti nuovi, inizialmente furono registrati molti consensi che, in certi casi, non seppero durare nel tempo". 

Le coalizioni - Ma la base c'è, i numeri pure, e ora starà ad Alfano e i suoi mantenerli e consolidarli. La rilevazione del quotidiano di Via Solferino, inoltre, dà Forza Italia al 16%: il centrodestra, compresi i partiti minori, arriverebbe al 35,7 per cento. Una percentuale sufficiente a staccare di tre punti tondi tondi il centrosinistra, quotato al 32,7% (il Pd è al 29,2%, Sel al 3,5%). Quindi il centro, che paga dopo la scissione Forza Italia-Ncd, e viene dato a livelli molto inferiori rispetto al 10% delle ultime elezioni: si attesta al 6,1% (Scelta Civica al 3,2%, Udc al 2,9%). Il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo viene quotato al 22 per cento, numeri simili a quelli raggranellati nelle elezioni di febbraio. 

La sorte del governo - L'istituto di Mannehimer snocciola poi altre cifre. Per il 51% del campione Alfano e Berlusconi resteranno alleati in Parlamento, mentre il 40% ritiene che dopo la scissione nascerà una forza politica che avrà come protagonisti Alfano, Mario Mauro e l'Udc. Comunque, la maggioranza degli intervistati - il 56% - pensa che l'esecutivo, nel brevissimo termine, non sia a rischio. Cresce però il fronte di chi crede che l'esecutivo non durerà molto: per il 17% da uno a tre mesi, per il 23% da 6 mesi a un anno; sempre per il 23% supererà un anno di vita (10 punti percenutali in meno rispetto al 13 novembre).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    17 Maggio 2014 - 12:12

    Mannheimer e' l'ultima ruota del carro dei sondaggisti. Non ne ha mai azzeccata una. La sua credibilità come sondaggista e' meno di zero. Qualche giorno fa ad una puntata di porta a porta davanti a sondaggisti seri sembrava la pecora nera tra i montoni. Se da' al 10% NCD allora vuol dire che i poltronisti non raggiungeranno neanche il quorum..

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    20 Novembre 2013 - 10:10

    Ti facevo più sveglio,Grillo è il vincitore morale delle ultime elezioni,quello che doveva mandare a casa tutti ed invece abbiamo visto che razza di bordello ha mandato al governo!E' più eclatante la dipartita numerica dei grillones nelle urne della Basilicata che quella di Silvio,la quale con un'astensione del 56%non fa nemmeno notizia!In Basilicata non hanno votato più della metà degli elettori aventi diritto,circa 150.000/160.000 elettori!Nella bassa veronese in provincia di Verona(la mia provincia)tre paesotti come Legnago,Villafranca,e Buttapietra hanno più elettori votanti dell'intera Basilicata!Nel Trentino ha vinto la destra estrema legata ai movimenti secessionisti,come sempre!Cala la cresta,e aspetta le elezioni vere!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    20 Novembre 2013 - 09:09

    Ti facevo più sveglio,Grillo è il vincitore morale delle ultime elezioni,quello che doveva mandare a casa tutti ed invece abbiamo visto che razza di bordello ha mandato al governo!E' più eclatante la dipartita numerica dei grillones nelle urne della Basilicata che quella di Silvio,la quale con un'astensione del 56%non fa nemmeno notizia!In Basilicata non hanno votato più della metà degli elettori aventi diritto,circa 150.000/160.000 elettori!Nella bassa veronese in provincia di Verona(la mia provincia)tre paesotti come Legnago,Villafranca,e Buttapietra hanno più elettori votanti dell'intera Basilicata!Nel Trentino ha vinto la destra estrema legata ai movimenti secessionisti,come sempre!Cala la cresta,e aspetta le elezioni vere!

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    19 Novembre 2013 - 18:06

    E allora come mai Libero titola ancora, ben visibile nella home page "Per il M5S altra batosta in Basilicata". Per Grillo i 100.000 votanti sono una batosta, per lo statista di cerume quattro gatti. Unghiè vatti a fare un giro che l'aria rinfresca le idee...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog