Cerca

La discussione in Aula

Senato: il dibattito su Silvio
L'ultimo gran rifiuto di Grasso
L'estremo tentativo di Casini

Senato: il dibattito su Silvio
L'ultimo gran rifiuto di Grasso
L'estremo tentativo di Casini

In mattinata comincia il dibattito sulla decadenza di Silvio Berlusconi. Il presidente del Senato Pietro Grasso chiude ancora una volta la porta respingendo la richiesta venuta da Forza Italia e da Ncd di far ricorso al voto segreto sulla decadenza del senatore Silvio Berlusconi. "La votazione sulla decadenza da senatore non è configurabile come voto sulla persona e dunque va effettuata tramite scrutinio palese", ha spiegato. Grasso ha dunque dato la parola al presidente della Giunta per le elezioni Dario Stefano per la lettura della relazione della giunta. Poco dopo interviene Pier Ferdinando Casini, leader dell’Udc che ha presentato una sospensiva  sul voto di decadenza di Silvio Berlusconi, in attesa delle decisioni   della Cassazione sul riconteggio dei tempi dell’interdizione. "La   sentenza, giusta o sbagliata che sia, è sottoposta alle regole dello   Stato democratico, che ne impongono l’applicazione", ha detto Casini, secondo il quale in Senato si intrecciano però "questioni giudiziarie  e politiche" e "si segue la vita più impervia, che consente a   Berlusconi di ergersi a vittima di persecuzione politica". 

 

Mancanza di rispetto - "Siamo a un bivio della storia di questo Paese, comunque vada si  conclude un ventennio. Abbiamo certamente giudizi diverso su Silvio   Berlusconi e sul suo lavoro politico, ma non possiamo liquidare la   storia di questi 20 anni come un evento criminale. Mancheremmo di   rispetto non solo a lui ma anche a noi stessi, al popolo italiano che  lo ha più volte votato e a chi gli si è opposto in questi anni". Da qui la conclusione: E’ "interesse di tutti" tenere al riparo da "surreali polemiche" sulla grazia a Berlusconi, la figura   del Presidente della Repubblica. Lo ha detto in aula al Senato Pier   Ferdinando Casini, confermando la proposta di sospensiva del voto  sulla decadenza del leader di Fi in attesa del riconteggio   dell’interdizione a Berlusconi da parte della Corte di Cassazione.   

 

Napolitano - "Una polemica surreale, quella sulla presunta decisione di   concedere o meno la grazia, quando gli stessi legali di Berlusconi   hanno in più circostanze affermato che in nessun modo il loro   assistito sarebbe stato interessato a questa richiesta. Spazziamo via   dal tavolo delle nostre polemiche il tentativo improprio di voler coinvolgere i Capo dello Stato. Semmai - ha concluso Casini- semmai   siamo noi ad essere in debito con lui, dal momento che siamo ricaduti   troppo presto in partigianerie di bottega dopo aver assicurato un   impegno comune per il Paese". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tdg43

    27 Novembre 2013 - 17:05

    Cosi ci si poteva aspettare de uno che non ha ancora capito come funziona "Avanti un altro", il gioco condotto da Bonolis.

    Report

    Rispondi

  • ilsereno

    27 Novembre 2013 - 16:04

    Mi sembrava una persona a modo, sobria non incline agli estremismi. Mi sono sbagliato. E' un mastino sinistrorso.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    27 Novembre 2013 - 15:03

    E' spiacevole che Grasso non perda occasione per dimostrare la sua pochezza, la sua infingardaggine e la sua inconsistenza istituzionale.

    Report

    Rispondi

  • primus

    27 Novembre 2013 - 15:03

    Grasso arrogante presidente del senato che pure se non politicamente dovrebbe essere imparziale. Ma purtroppo non è così arrogante sfoggia quel ghigno sorrisino da presa in giro, un pessimo personaggio del senato che non poteva non far parte di quella sinistra sfascista, speriamo che possa essere cacciato al più presto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog