Cerca

Le quattro ruote delle polemiche

L'auto blu di Calvani è da poveracci
E' costata solo 9 mila euro

Dopo le polemiche per il leader dei Forconi che ha lasciato la piazza con un'auto di "lusso", ecco tutta la verità sull'automobile

L'auto blu di Calvani è da poveracci
E' costata solo 9 mila euro

«L’amico del Giaguaro» o «Il contadino che ama viaggiare in Jaguar». Sono questi solo alcuni dei titoli che sono stati dedicati a Danilo Calvani, uno dei leader del Movimento 9 dicembre, più noto comequello dei Forconi. La colpa di Calvani è quella di aver lasciato la manifestazione di Genova a bordo di una Jaguar blu. Su tutti i giornali questo accostamento tra protesta e auto di lusso è stato considerato inopportuno e ha oscurato le ragioni dei manifestanti. Maquella Jaguar in realtà è una macchina del 2006 con cinque diversi proprietari in curriculum, è un’auto turbodiesel, ha 150 mila chilometri nel motore ed è costata 9 mila euro. Meno di un’utilitaria. Calvani, contattato da Libero sbuffa: «Non ne posso più di questa storia. Ho mostrato il passaggio di proprietà ad altri giornalisti, ma questa mattina il vero valore di quella macchina non l’ha riportato nessuno. Certo non faceva notizia». Ma di chi è il «bolide»? «Di un mio amico trasportatore, io sono di Pontinia in provincia di Latina, lui di Priverno, a pochi chilometri da casa mia. Lo chiami così le racconta». Contattiamo Walter Dell’Unto, 49 anni, titolare di un’azienda di trasporti. È scorato: «Mi scusi se non le ho risposto subito, ma è tutto il giorno che sono al telefono». 

La Jaguar? «L’ho pagata 9 mila euro con un bonifico. Sarà un mese che ce l’ho, l’ho lavata da poco e devo ancora andare dal vecchio proprietario a ritirare le gomme termiche». Il precedente titolare, un pensionato di 71 anni, l’aveva acquistata a 8.500 euro. «Ah questo non lo sapevo. Per questamacchinaall’ini - zio mi ha chiesto 12 mila euro, a 8 mila non me l’ha voluta vendere, non c’è stato verso. Ho chiesto se potessimo dividerci almeno la spesa del passaggio, non ha voluto concedermi neanche quello». Come ha trovato la Jaguar? «Ho consultato gliannunci inmezza Italia. Ho visto anche delle Lancia Thema a 3-4 mila euro, ma erano troppo vecchie. Volevo una berlina, adatta alla famiglia, ma diesel, non è che navigo nell’oro. A Latina c’era una Jaguar come la mia, ma a benzina, per questo non l’ho presa. A Padova ce n’era una con l’iniezione rotta. A Milano, invece, c’era questa. Quando sono andato a vederla, mi hanno detto: guarda che a destra ha i fari buoni, a sinistra sono un po’più opachi perché ha preso una botta. Quindi c’è stata una trattativa che è andata avanti diverse settimane. Sino al bonifico». Insomma non ha acquistato un’auto con gli interni che profumano di nuovo. 

«Il libretto è pieno perché ci sono quattro passaggi di proprietà. Per registrare il mio devono farmi un documento nuovo». Dell’Unto recita la storia della macchina come una novena: «È stata venduta dalla Jaguar di Parma nel 2006: il primo proprietario, un mio coetaneo, è morto; il terzo proprietario, invece, deve avere avuto dei problemi famigliari e l’ha ceduta al papà. Dal 2011 l’auto era ferma, l’ultimo cedolino scadeva nel 2012». Ma perché l’ha comprata? «La Jaguar mi piace perché ha un buon motore e poca tecnologia: oggi l’elet - tronica ti lascia a piedi». Non ritieneche siaunamarcaun po’ visto - sa? «In realtà questo tipo di macchine ormai le sfoggiano nell’Eu - ropa dell’Est. Certo con tutta la pubblicità che le ho fatto dovrei chiamarela Jaguar e farmi pagare. Lo sa quanta gente mi sta telefonando. E stanno tempestando anche il precedente proprietario, il pensionato, che si è spaventato e mi sta cercando a sua volta». Non si è pentito di aver accompagnato Calvani a Genova? «Un po’ sì. Io non dovevo esserenel punto dove mi hanno fotografato, mi hanno fatto parcheggiare lì perché dovevo caricare anche un disabile». Ed è successo il patatrac: «Dopo neanche due ore mi hanno contattato da casa e mi hanno detto: “Stai su tutti i telegiornali, che cosa hai combinato?”. E che hocombinato? Mica ho ammazzato nessuno ». Dell’Unto, incidenti di percorso a parte, crede nelle ragioni della protesta: «Questo governo non ci rimborsa le accise, per questo ho fermi 41 rimorchi e a novembre ho lasciato a casa gli ultimi tre lavoratori. Invece della mia Jaguar, parlate dei problemi di chi lavora. Per favore». 

di Giacomo Amadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauririo

    13 Dicembre 2013 - 17:05

    Una volta il figlio del mio principale ando' a sollecitare un credito con la Jaguar del padre. Non ottenne nulla e capi' di aver usato la macchina sbagliata. Chi non capisce da solo questo episodio non trovera' mai nessuno che riuscira' a spiegarglielo.

    Report

    Rispondi

  • contemalfido

    13 Dicembre 2013 - 16:04

    Anche se fosse stata una Jaguar ultimo modello? Trovo becera e idiota tanta demagogia

    Report

    Rispondi

  • Zawol

    13 Dicembre 2013 - 15:03

    l'auto che possiede? ma siamo nella DDR?

    Report

    Rispondi

  • secchione

    13 Dicembre 2013 - 15:03

    ...posto che ognuno di compra l'auto che vuole, complimenti all'acquirente, che ha portato a casa un'auto che, con quelle condizioni e quei km, spunta su Autoscout quotazioni "reali" non inferiori ai 12.500€. Dopodiché, spacciare per "sacrificio" di "scelta economica" un'auto con un sei cilindri così moderno da essere tuttora in produzione (poca tecnologia???), con oltre 200 cavalli, il cui solo bollo costa 500€ e l'RC un botto, la manutenzione non ne parliamo nemmeno...sa un po' di presa per i fondelli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog