Cerca

Ce la faranno?

Province, la legge di Stabilità ne commissaria 50: ecco quali sono

Ci sono quelle che si fonderanno nelle aree metropolitane e quelle che spariranno. Dal Piemonte alla Puglia, dal Veneto alla Calabria, la mappa dei tagli

Province, la legge di Stabilità ne commissaria 50: ecco quali sono

Sono 52 le province italiane commissariate dalla Legge di stabilità appena varata dal governo: ci sono quelle che si fonderanno nelle aree metropolitane e quelle che, semplicemente, spariranno. Fatto sta che la prossima primavera scadranno i mandati, ma non si tornerà alle urne. A questi, si aggiungono altre 20 province già commissariate dall'esecutivo Monti nel 2012.

La protesta di Forza Italia, M5S e Lega - La Camera ha approvato nottetempo il disegno di legge Delrio, non senza polemiche. A fronte di 277 sì (Pd, Nuovo centrodestra, Scelta civica) e 11 no (Sel), c'è stata la protesta dei deputati di Lega Nord, Forza Italia e Movimento 5 Stelle, che non hanno partecipato alla votazione. "Una normativa farraginosa e inutile", è il commento delle opposizioni. Il capogruppo forzista Renato Brunetta sabato pomeriggio aveva chiesto che si riunisse la conferenza dei capigruppo alle 18 in punto, come da convocazione ufficiale, di fatto obbligando alla sospensione della seduta e al probabile rinvio dell'approvazione della legge. Il rifiuto del presidente di turno (paradosso, era il forzista Simone Baldelli), ha portato al proseguimento del confronto, fino allo "sciopero" di Fi, Lega e M5S.

La mappa - Scorrendo le province da nord verso sud, si comincia dalle 4 piemontesi: Alessandria, Cuneo, Novara, Torino e Verbano-Cusio-Ossola.In Lombardia, invece, sono sette i consigli a venire commissariati: Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Milano, Monza-Brianza e Sondrio. In Emilia Romagna cadono otto province: via Piacenza, Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Reggio Emilia e Rimini. Tre i consigli commissariati in Veneto (Padova, Venezia, Verona e Rovigo), uno in Liguria (Savona).

Centro-sud - Seguendo la cartina geografica lungo il centro-sud, in Toscana saltano 8 province: Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Pisa, Pistoia, Prato e Siena. Nelle Marche finiscono commissariate Ascoli Piceno, Fermo, Pesaro e Urbino. In Abruzzo cadono Chieti, Teramo e Pescara, mentre in Umbria finiscono Perugia e Terni. Nel Lazio non sopravvive alle misure della legge di Stabilità Latina, mentre in Puglia saltano Bari e Bat (Barletta-Andria-Trani). In Calabria sono depennate Cosenza e Crotone, nel Molise Isernia, dalla Puglia Lecce e dalla Basilcata Matera e Potenza. In Campania spariscono le province di Napoli e Salerno

Quelle già commissariate - A queste 50 province si aggiungono quelle commissariate dal 2012 (Ancona, Asti, Belluno, Biella, Brindisi, Como, Genova, La   Spezia, Roma, Vibo Valentia, Vicenza) e quelle commissariate dal 2013 sono (Avellino, Benevento, Catanzaro, Foggia, Frosinone, Massa Carrara, Rieti, Taranto e Varese).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    23 Dicembre 2013 - 20:08

    Quando il governo rosso di D'alema fece la nefasta riforma del Cap.quinto della costituzione nel 2000, cominciarono i guai e la lievitazione astronomica della spesa delle regioni. Questo fu solo l'inizio del grande assalto alla diligenza, rimasta senza più cocchieri né controllori né parametri di paragone, gli argini della spesa si ruppero sotto l'assedio delle fameliche jene ed oggi ne paghiamo le conseguenze. La miglior soluzione sarebbe si di abolire le provincie, inutile retaggio napoleonico, ma di istituire le tre maxiregioni, nord, centro e sud, ma la mia resterà un'inutile utopia..

    Report

    Rispondi

  • encol

    23 Dicembre 2013 - 14:02

    Le province faranno la fine delle molteplici tasse sulla casa: IMU,RARES,TRES,ICU ecc. ecc. alla fine ci costeranno almeno il doppio.Quando un paese è governato da incapaci ma che si credono geni è la soluzione peggiore.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    22 Dicembre 2013 - 23:11

    Bravo, sette più ! Perché le quattro provincie sarde, di cui una che conta meno di 40.000 abitanti comprese le pecore, quella di Barletta che è attaccata a Bari, come quella di Prato ed altre che non sto a ricordare, sono state volute dai leghisti ? Cercate di documentarvi meglio quando sparate le vostre minchiate.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    22 Dicembre 2013 - 22:10

    LA BALLA DEL SECOLO !!! Ne riparleremo ben presto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog