Cerca

Parla il Cav

Elezioni, Berlusconi: "Ho un piano pazzo per vincerle"

Silvio Berlusconi

Berlusconi sorrisone: visto da Benny

Dice di avere "un piano". Addirittura "un piano un po' pazzo". Ma, aggiunge, "io sono un ottimista". E' un Silvio Berlusconi in gran forma quello che parla al Corriere sulle prospettive politiche sue e di Forza Italia. Quel piano, però, non lo vuole ancora rivelare: "E' prematuro" dice. Anche perchè, assicura, Si andrà alle urne (quelle vere, quelle delle politiche che manderanno a casa Enrico Letta) tra più di un anno: a primavera 2015. Perchè al Cav serve tempo, per mettere a posto il suo partito, nel quale Giovanni Toti è solo il primo tassello. Ma soprattutto per sperare che Grillo si rovini con le sue mani, magari già a partire dal risultato delle elezioni europee, a furia di insulti ed eccessi come quelli che negli ultimi giorni hanno visto protagonisti i suoi parlamentari alla Camera e i suoi militanti su internet.

L'obiettivo è arrivare a quel 37% che con l'Italicum consentirebbe a Forza Italia di governare da sola, senza partitini in mezzo alle scatole. "Un risultato - spiega Berlusconi- che io ho già ottenuto nel 2008, quando come coalizione raggiungemmo il 46% e rotti e come partito il 37 e passa. Però, da allora, è successo un fatto, che è arrivato Grillo a portarsi via quasi un quarto dei voti abbassando inevitabilmente i voti a disposizione di destra e sinistra. Oggi quel 37% è molto difficile da raggiungere da parte di un solo partito". Ed è per questo che al Cavaliere serve tempo, almeno un anno, per puntare al risultatao grosso. La speranza, continua, "è che il Partito democratico di Renzi da una parte e Forza Italia dall'altra possano in quest'anno operare in maniera tale da poter arrivare all'appuntamento della prossima campagn elettorale così forti da poter puntare da soli e senza partitini al 37%. Che sommato al premio di maggioranza del 15% che abbiamo fissato con l'Italicum, permetta a un solo partito di governare senza condizionamenti". Casini è avvertito: non è detto che il Cavaliere se lo riprenda a bordo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    02 Febbraio 2014 - 20:08

    di questa cosa non si capisce dove può portare. In compenso già sembra di sentire che Il PD ha vinto le lezioni con il 37%, di sicurò sarà così, sappiamo sembra dire il partito comunista, bleffando che è il primo partito d'Italia, quindi il raggiungimento del 37% è una bazzecola. L'Italicum, partito per eliminare i partitini, invece già Napolitano non è d'accordo. Staremo a vedere che uscirà fuori da questa riforma della legge elettorale.

    Report

    Rispondi

  • sconosciuto

    02 Febbraio 2014 - 16:04

    ma chi vi a impiantato i chips nel cervello!! Ormai questa dei 20anni sembra un disco rotto.. Fosse meglio concentrarvi sugli ultimi 3-4 anni... SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO..

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    02 Febbraio 2014 - 16:04

    Se ancora ce ne fosse bisogno, questo dimostrerebbe al di là di ogni ragionevole dubbio che a Berlusconi, come del resto a tutti gli altri, non frega assolutamente niente degli Italiani, ma a lui interessa solo di riuscire a conquistare nuovamente il potere. Quindi per lui non è un problema lasciarci rovinare per un altro anno e mezzo dalle sanguisughe del governo letta, di farci succhiare ogni risorsa da saccomanni e dalle banche che lo stipendiano, di far rovinare completamente le nostre imprese. Semplicemente "lui non è pronto", quindi dobbiamo continuare così, in apnea, in attesa che si organizzi. Se questi sono i nostri amici, Dio ce ne guardi!

    Report

    Rispondi

  • yaaa

    02 Febbraio 2014 - 15:03

    "avrà rovinato l'italia ma almeno ci fa ridere"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog