Cerca

"Partitini" nel sacco

Governo Renzi, ecco come Matteo e Berlusconi possono fregare Angelino Alfano

Angelino gongola per squadra e riforme: ha ottenuto il massimo, ma ora premier e Silvio hanno le armi per metterlo in scacco

Governo Renzi, ecco come Matteo e Berlusconi possono fregare Angelino Alfano

"Andiamo, c'è da lavorare". Così, col suo modo di fare molto brusco, alla fiorentina, il premier Matteo Renzi ha sottratto Angelino Alfano al rito delle fotografie al Quirinale, subito dopo il giuramento del nuovo governo di fronte al presidente Giorgio Napolitano. Una battuta, quella del segretario Pd, che preannuncia il clima che si respirerà nei prossimi Consigli dei ministri, il primo dei quali è andato in scena all'ora di pranzo, pochi minuti dopo il via ufficiale all'avventura. "Bisogna fare presto", è il mantra renziano. Il premier sa che, insediatosi a Palazzo Chigi con una manovra di Palazzo da antologia, ora potrà giocarsi la credibilità politica ed elettorale in un solo modo: concretizzando le riforme tanto sbandierate. Ed è proprio da quelle riforme che passa il futuro del governo, con un paradosso non da poco per Alfano e il Nuovo Centrodestra.

Il successo di Angelino - Vista la composizione della squadra, Alfano aveva commentato a caldo: "Molto bene, Ncd non poteva chiedere o desiderare di più". Vero: a fronte della rinuncia alla vicepresidenza del Consiglio, Angelino aveva strappato la conferma di tre ministeri pesanti, il suo agli Interni, Maurizio Lupi alle Infrastrutture e Beatrice Lorenzin alla Sanità. Altro gol messo a segno: la parola d'onore ottenuta dal segretario Pd di non iniziare le riforme dalla legge elettorale, già in cantiere alla Camera. Il perché è presto detto: una volta approvato l'Italicum, tutti quanti i partiti sapranno che si potrà tornare alle urne. Non ci saranno, insomma, più alibi. Per questo Ncd ha chiesto di partire dalle altre riforme istituzionali, ad iniziare dall'abolizione del Senato, perché richiederebbero un anno abbondante tra messa a punto e approvazioni in Aula. Per l'Italicum, invece, potrebbero servire non più di due mesi. La differenza è sostanziale. Renzi, pur di partire col il governo, ha detto sì. Il modo per rallentare la legge elettorale si troverà: magari attendendo la formulazione dell'abolizione del Senato, oppure spostando la discussione sul post-Porcellum a Palazzo Madama. Alfano per ora può gongolare, perché il risultato incassato, manuale Cencelli in tasca, è il migliore possibile. Ma Angelino sa per primo che Ncd, pur fondamentale negli equilibri di governo e maggioranza, non avrà le spalle coperte.

La strategia di Renzi - Come fatto notare a più riprese al centrosinistra (e pure al centrodestra), senza i voti di Ncd al Senato il governo Renzi non sarebbe mai potuto nascere. Dal punto di vista elettorale, il "peso" degli alfaniani è ancora tutto da registrare: ergo, Renzi non poteva permettersi di sopravvalutare l'alleato, anche per questioni di immagine. Il governo appena nato è comunque un esecutivo a forte trazione Pd e troppe concessioni al Nuovo centrodestra avrebbero fatto storcere il naso a molti al Nazareno. Secondo punto, pi importante. Renzi come detto si giocherà tutto sulle riforme. L'Italicum è il fiore all'occhiello, già dato per acquisito a gennaio. Impossibile fare aspettare mesi prima di metterlo in cassaforte, anche perché Silvio Berlusconi premerà.

Cav all'attacco - Forza Italia vuole fortemente la riforma, forse anche più del premier, perché prima si andrà al voto e più alte possibilità di vincere avrà. Se in Parlamento il testo languirà, Renato Brunetta alla Camera e i suoi colleghi in Sento saranno pronti alla guerriglia. E raccogliere i malumori degli esclusi dal governo (mauriani e montiani in testa) potrebbe essere facile, con il rischio concreto che la fragile maggioranza renziana venga erosa giorno dopo giorno, votazione dopo votazione. Ma nonostante i proclami ("Dureremo fino al 2018"), è lo stesso ex Rottamatore a gradire un ritorno alle urne non troppo lontano. La sfida è semplice: o si arriva a fine legislatura, a forza di "buon governo", oppure meglio tornare al voto in un tempo ragionevole (diciamo un anno, un anno e mezzo) per capitalizzare il residuo effetto-primarie e raccogliere il frutto di qualche riforma.

Partitini nel sacco - A temere il voto più o meno anticipato per ora sono solo Alfano, Mario Monti, Mario Mauro, Pierferdinando Casini: chi più chi meno, sanno che la loro forza elettorale è relativa e hanno tutti bisogno di tempo per consolidarsi, ricucire rapporti con la casa madre, decidere da che parte stare. Renzi e Berlusconi questa esigenza non ce l'hanno: al netto delle rinunce, sanno di poter giocare la loro partita dentro e fuori dal Parlamento.

di Claudio Brigliadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigino1000

    19 Novembre 2014 - 23:11

    Anche se vale solo 1%, lasciamo che Alfano continui a creare contradizioni nel p d, aspettiamo fino a quando il centro destra si ricompatterà, allora si che Renzi cadrà

    Report

    Rispondi

  • luigifassone

    26 Febbraio 2014 - 21:09

    Io tutto questo livore per Alfano del nostro Libero non riesco ancora a capirlo. Il Giornale,VABBE' Si può capire... ,ma Libero,suvvia...

    Report

    Rispondi

  • buri52

    23 Febbraio 2014 - 09:09

    Auspico che Renzi riesca a far rientrare i Marò in Italia. Auspico però che si ricordi anche delle piccole imprese che lavoravano in Libia prima del febbraio 2011 e che sono state dimenticate e lasciate morire in una Italia in cui non c’è la pena di morte. Sono trascorsi tre anni senza che le Istituzioni facessero qualcosa per tutelarle e per questo molte sono già fallite. Spero che Renzi ed i suoi Ministri paghino i crediti che queste 130 imprese hanno maturato in Libia con i fondi libici congelati, (autorizzazione già ricevuta dall’Europa, ma mai applicata-interrogazione Serracchiani) o con i fondi del Trattato di Amicizia che finanziano la costruzione della strada costiera in Libia (250 milioni all’anno che dal 2009 ad oggi fanno un miliardo di euro) o con quello che l’ENI versa alla Libia per l'acquisto di gas e petrolio.

    Report

    Rispondi

  • geompiniliberoi

    23 Febbraio 2014 - 08:08

    Renzi ha fregato anche il Cav. l italicum viene spostato di uno o due anni, e intanto il governo va avanti, il tempo frega il cdx che non vuole trovare gente nuova e competente anche per la presenza ingombrante di politici mediocri che vogliono difendere la seggiola, se il cav continua cosi siamo messi tragicamente ,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog