Cerca

Emerge un veliero del Settecento dal cantiere di Ground Zero

L'imbarcazione è lunga 10 metri. È stata trovata anche un’ancora. Scafi simili erano usati per consolidare e ampliare i terreni della punta di Manhattan

Emerge un veliero del Settecento dal cantiere di Ground Zero
Dove una volta sorgevano le Torri Gemelle, dalle macerie di Ground Zero gli operai hanno trovato i resti di un veliero del Settecento, lungo circa 10 metri. La scoperta è avvenuta martedì mattina.

I primi resti lignei esumati da Ground Zero verranno immediatamente mandati in laboratorio per procedere alla datazione precisa dell’imbarcazione.
Il veliero non è il solo reperto emerso in questi giorni dalle fondamenta del World Trade Center: poco distante dalla nave è affiorata anche un’ancora del peso di 45 chili che potrebbe appartenere a un altro vascello sepolto nelle vicinanze.

Gli esperti hanno spiegato che nel diciottesimo secolo scafi simili erano utilizzati per consolidare e ampliare i terreni della punta sud di Manhattan, all’epoca in espansione nel fiume Hudson. Sul luogo sono arrivati anche esperti navali per aiutare nel recupero dello scafo, fragilissimo a causa dell’aria a cui è stato improvvisamente sottoposto a seguito della scoperta.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Viking

    20 Luglio 2010 - 08:08

    Ma infatti non c'è scritto che le fondamenta delle Twin Towers erano su questo terriccio/navette/ancore. E' stato studiato che nel diciottesimo secolo per ampliare i terreni di Manhattan rubandoli all'oceano sono stati utilizzati anche questi tipi di materiali, in profondità, poi in superficie c'erano rocce dove erano esattamente state posionate le fondamenta delle torri gemelle.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    18 Luglio 2010 - 18:06

    Mi rifiuto di credere che le torri gemelle fossero state fondate su terriccio e rottami. In un documentario si mostrava chiaramente che i grattacieli erano incastrati in roccia, c'erano i compressori con i martelli che la demolivano e le loro fondazioni erano poste a parecchie decine di metri di profondità. Non capisco proprio cosa c'entrino questi resti di imbarcazioni.

    Report

    Rispondi

blog