Cerca

Roba storica

Elezioni 2018, il "record infame" di Matteo Renzi: con lui il Pd più a fondo pure del Pds di Occhetto nel 1994

5 Marzo 2018

1
Elezioni 2018, il "record infame" di Matteo Renzi: con lui il Pd più a fondo pure del Pds di Occhetto nel 1994

Zimbello della sinistra, zimbello d'Italia. Per spiegare il disastro di Matteo Renzi e del Pd a queste elezioni al Nazareno qualcuno tira fuori gli archivi e scava. Risultato: l'ex premier ha fatto peggio pure di colui che è passato alla storia come l'uomo che ha perso delle elezioni già vinte, Achille Occhetto. L'allora segretario del Pds si fermò al 20,36%, appena 7,8 milioni di voti. Una miseria per chi, venendo dal Pci, era abituato a puntare al 30 per cento.

Renzi però si è superato, riscrivendo la storia. Ingenerosi? Va detto che il tracollo del principale partito del centrosinistra viene da lontano: 27,9% nel 1996, 29,4% nel 1999, poi sempre sopra il 30% fino al 2009, con il 26,1%, e da lì 25,2% nel 2013, il botto ora potremmo dire casuale del 40,8% alle Europee 2014 e infine questo epocale 19% che per qualche ora ha messo a rischio addirittura il ruolo di secondo partito in Italia. Altro che "vocazione maggioritaria".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Aldodueinvolo

    07 Marzo 2018 - 20:08

    Scusate, non avendo Facebook. spero si scriva così, perche è uno strumento che assolutamente non mi interessa. Ma chi è sto ........di Cecchini ogni tanto ci butto l'occhio, ma e cosi di fatto, oppure ci fa.

    Report

    Rispondi

media