Cerca

Cinema e politica

Elio Germano, a Venezia con il pugno chiuso

Elio Germano, a Venezia con il pugno chiuso

L'attore Elio Germano, il giovane favoloso Leopardi del film di Mario Martone, domani in concorso a Venezia ha salutato i fotografi che lo aspettavano in Laguna con un pugno alzato. Candidato al premio per la migliore interpretazione maschile, Germano indossava una maglietta nera di Artisti 7607, la sigla dell’associazione di autodeterminazione degli artisti, nata nel 2010 come alternativa all’Imaie. 

La piccola di Martone è la storia di Leopardi, bambino prodigio che cresce in una casa è che una biblioteca. E lui legge di tutto anche se poi quella casa diventa una prigione. In Europa il mondo cambia, scoppiano le rivoluzioni e Giacomo cerca contatti con l’esterno. A ventiquattro anni, quando lascia finalmente Recanati, l’alta società italiana gli apre le porte ma il nostro ribelle non si adatta. A Firenze si coinvolge in un triangolo sentimentale con Antonio Ranieri, l'amico napoletano con cui convive da bohémien, e la bellissima Fanny. Si trasferisce a Napoli con Ranieri dove vive immerso nello spettacolo disperato e vitale della città plebea. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Uchianghier

    Uchianghier

    04 Settembre 2014 - 10:10

    Ma siamo sicuri che non è andato a pulire il tappeto rosso?

    Report

    Rispondi

  • tosattoluigi36

    03 Settembre 2014 - 14:02

    La mostra del cinema è una esibizione cinematografica e non una esibizione politica degli attori, il pugno se lo tenga in tasca che sono affari suoi

    Report

    Rispondi

  • tacos

    02 Settembre 2014 - 14:02

    La nuova generazione di artisti Italiani che tra qualche anno non si ricorderanno delle loro interpretazioni neanche in famiglia. Peccato, sono così "pregnanti" che non meritano l'oblio.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    02 Settembre 2014 - 11:11

    Se questi sono i nostri artisti ecco perché il nostro cinema va male, fanno tutto meno quello per cui dovrebbero essere pagati, l'attore. Riguardare certi film degli anni Sessanta si apprezzano gli attori di allora quelli di oggi scompaiono.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog