Cerca

Miracolo?

Quella "passione" di Radio Vaticana
per il film lesbo che scuote Cannes

Il sito dell'emittente: "E' la pellicola migliore". Ma l'opera fa discutere: c'è una sequenza che dura 15 minuti in cui due donne fanno sesso

Una scena del film

Una scena del film

Tra la miriade di recensioni che in questi giorni si possono leggere sui tanti film in concorso al Festival di Cannes ce n'è una che ha suscitato un certo stupore. Questa: "Interpretato da due attrici formidabili (Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos), messo in scena con una fluidità che non fa avvertire lo scorrere del tempo, ricco di scene indimenticabili di esplosione dei sentimenti, La Vie d'Adele è al momento ciò che di meglio ci ha proposto il Concorso". Il film in questione è, appunto, La via d'Adéle del regista tunisino Abdellatif Kechiche, centrato su un amore lesbo e pieno zeppo di scene decisamente hard tra le due protagoniste (una su tutte, una sequenza di 15 minuti in cui le donne fanno sesso). Lo stupore deriva dal fatto che a stilare un giudizio così entusiasta è il sito di Radio Vaticana, "la voce ufficiale del Papa e della Chiesa" (così si definiscono). Svista? 'Merito' del Papa 'grillino' Bergoglio? Una passione, quella di Radio Vaticana per il "film lesbo", che farà discutere...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Apartitico

    27 Maggio 2013 - 13:01

    La Chiesa dovrebbe amare e con essa anche i preti! Invece fanno l'opposto...

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    24 Maggio 2013 - 11:11

    Ma è un film porno?

    Report

    Rispondi

  • spalella

    24 Maggio 2013 - 09:09

    vivono vite malate e innaturali, per colpa di dogmi cioè idiozie inventate da ignoranti nei secoli della grande ignoranza.... ovvio che poi marciscano mentalmente ed escano fuori da quanto creato dalla DEA NATURA.

    Report

    Rispondi

blog