Cerca

Terza stella?

Solo il campo dice chi ha vinto
No, non può passare la maglia fai da te

Giampiero Mughini: gli scudetti sono trenta e la terza stella lo ricorderà a tutti. Biasin: no, sono ventotto

Solo il campo dice chi ha vinto
No, non può passare la maglia fai da te

Neanche il tempo di festeggiare lo scudetto che già si riapre la polemica infinita: è il ventottesimo o il trentesimo tricolore? La possibilità della terza stella sulla maglia bianconera - ventilata a caldo dal presidente Andrea Agnelli - fa impazzire i tifosi bianconeri ma spacca il mondo del calcio: una scelta legittima oppure una provocazione?.  Ecco le oponioni di Giampiero Mughini e, a seguire, quella di Fabrizio Biasin. 

Nelle case e nelle piazze d’Italia esplode la gioia del popolo juventino. Gli “umiliati e gli offesi” degli ultimi cinque anni di football nazionale approdano finalmente al trentesimo scudetto della storia bianconera, uno scudetto conquistato dopo una sequenza di fatti e di episodi che nemmeno lo sceneggiatore di un grande film americano avrebbe saputo ideare. 

La squadra risorta La distruzione, dall’oggi al domani, di una squadra capolavoro che aveva vinto uno scudetto alla cifra astrale di 91 punti e i cui giocatori erano quasi tutti in campo nella finale della Coppa del Mondo 2006. La società che aveva fatto da nervatura di tutte le nazionali italiane campioni del mondo che si ritrovava a un passo dal baratro, amputata di alcune delle sue vittorie più belle, scaraventata in serie B, costretta a svendere i suoi gioielli pur di non portare i libri in tribunale. Il miglior gruppo dirigente mai avuto da una squadra di calcio di serie A additato come «una organizzazione a delinquere». Tale la debolezza politica in quel momento della Fiat, e tali le aporie interne alla famiglia Agnelli dove si fronteggiavano senza volersi troppo bene gli “eredi” di Gianni Agnelli e quelli di suo fratello Umberto, che la società decise di non muovere nemmeno un’unghia a difesa dell’onore sportivo di quel gruppo dirigente. Una ripresa tecnica affidata a un nuovo e mediocrissimo gruppo dirigente, di cui saranno scandalosi gli errori di valutazione nello strapagare giocatori rivelatisi mediocri o inadatti al calcio italiano: da Tiago a Felipe Melo, da Diego al Krasic comprato due anni fa. Una squadra delusa e mal congegnata che sprofonda nella mediocrità di due consecutivi e avvilenti settimo posto, sino a riuscire nell’impresa stratosferica di incassare la bellezza di 56 gol in un torneo (la squadra di Conte, imbattuta sino alla penultima giornata, ne ha incassati 19).

La squadra migliore Ora succede che la squadra bianconera che presenta alla linea di partenza del torneo 2011-2012 è per sette-otto dei suoi undicesimi la stessa la cui mediocrità ci aveva lasciato senza fiato nel torneo precedente. Pirlo e Vucinic e Vidal e Lichsteiner a parte. E senza dire che un sospetto non potevamo non nutrirlo. Se il Milan si tiene un Pato, un Robinho e magari un Alessandro Nesta mal conciato fisicamente, e invece regala (letteralmente regala) Pirlo, un motivo ci deve pur essere. Vi ricordate quando Giampiero Boniperti dava via giocatori famosi (da Capello a Baggio) e si prendeva giocatori reputati scarpe vecchie, gli immensi Benetti e Boninsegna, e con quelli vinceva gli scudetti? Non è che nell’occasione, col prendere un Pirlo in avanti con gli anni e un po’ acciaccato, noi non stavamo facendo la figura degli allocchi che comprano i mobili tarlati dismessi dalle grandi famiglie? E invece è successo che Pirlo abbia fatto tutte le partite dal primo all’ultimo minuto, e che in tutte questa partite s’è confermato il miglior giocatore del mondo nel suo ruolo. Grazie, Milan.

Un allenatore da incorniciare E poi, Antonio Conte. Se c’è un errore che io imputo al trio diabolico Bettega-Giraudo-Moggi è quello di avere tolto a un certo punto la maglia di capitano a Conte per darla ad Alex Del Piero. Non si fa con un uomo come Conte, prodigioso da giocatore di quantità e qualità in mezzo al campo e adesso superprodigioso come allenatore. Se quei sette-otto giocatori che l’anno scorso parevano dei fantasmi alla ricerca di un loro squallido destino sono divenuti dei giganti in campo - da Bonucci a Pepe, da Marchisio a De Ceglie, e lo stesso Chiellini triplicato in qualità -, se la Juve del 2011-2012 ha giocato forse il miglior calcio nella storia recente del football italiano, se quella squadra a parte venti minuti col Napoli e venti minuti nella partita di ritorno col Milan ha giocato per 37 giornate all’attacco, tutto questo è farina del genio calcistico di Conte. Dopo Boniperti e Big Luciano, lui diventa il terzo uomo stemma della storia juventina di quest’ultimo mezzo secolo. La terza stella, per l’appunto, delle tre che vanno cucite sulla maglia bianconera del prossimo torneo.

Ho detto trenta scudetti. Che non è la cifra riportata dagli almanacchi compilati dai burocrati, e copiati da alcuni giornalisti vili. Non voglio assolutamente mancare di riguardo alla Grande Inter, a una delle società che hanno fatto la storia del calcio moderno e che ancora domenica scorsa ha dato prova del suo orgoglio e della sua qualità, e ogni volta io mi levo il cappello quando sento pronunciare la parola “triplete” riferita ai successi dell’Inter di due stagioni fa. Solo che gli scudetti della Juve sono 30, e che quel 14° scudetto che figura nella bacheca interista loro non l’hanno mai visto né da vicino né da lontano. Tanto è vero che i giudici sportivi che lo assegnarono nell’estate del 2006 adesso fingono di non ricordare e quasi se ne vergognano, e non c’è uno di loro che dica: sì, l’ho assegnato io e in piena coscienza perché quei circa 15 punti che separavano l’Inter dalla Juve vittoriosa erano stati tutti conquistati da Moggi a forza di money e girls elargiti a destra e a manca.

Il processo penale Ora di quel money e di quelle girls non esiste la benché minima traccia in nessuno dei processi fatti contro la Juve. Nelle motivazioni del processo penale di Napoli (dove Moggi è stato condannato) c’è il riconoscimento netto che nessun risultato sportivo è stato alterato in quei due campionati. Che i 91 punti vennero conquistati uno a uno da una squadra che aveva Cannavaro, Thuram, Emerson, Nedved, Camoranesi, Ibrahimovic, Del Piero, e vorrei ben vedere che una squadra così non stravincesse. Lasciate perdere il tifo e le ossessioni di ciascuno di noi. Chiedetelo a chi conosce il campo e la lotta sul campo. Chiedetelo a Fabio Capello, a Billy Costacurta, a Claudio Ranieri, chiedetelo guardandoli negli occhi ai giocatori più valorosi e leali dell’Inter se è vero o no quello che disse una volta Camoranesi, che quando affrontavano la Juve erano pallidi dall’ansia già nel sottopassaggio. Trenta sono, non uno di meno. Chiedetelo a Dio, che pure non è bianconero.

di Giampiero Mughini 


Ecco la risposta di Fabrizio Biasin 

Se sul mio giubbotto di pelle scrivo «Sono Fonzie» ma poi tiro un pugno al jukebox e invece di partire «Be bop a lula» di Elvis arriva l’ambulanza a ingessarmi la mano, significa che quantomeno devo rivedere le mie posizioni e regalare il giubbotto a un tizio più prestante. La questione «stelle sulla maglietta della Juventus» è appassionante come una cena a casa della suocera, ma a scudetto archiviato va trattata. Anzi no, balle, andava trattata molto tempo fa, il giorno in cui la Juventus ha inaugurato il suo bello stadio e in presenza dei capoccia federali ha mostrato al mondo gli scudetti numero 28 e 29. Quel giorno, a Torino, c’erano proprio tutti. Anzi no, uno mancava: Luciano Moggi. La società Juventus all’epoca pensò di non invitare l’uomo che con il suo «compra e vendi» aveva contribuito in maniera decisiva alla conquista dei 2 scudetti (poi revocati) perché no, Big Luciano era meglio lasciarlo a casa sua a far la calzetta. 

Le ragioni Da quella sera la questione «stelle sulla maglietta della Juventus» è diventata importante (ma è stata scientemente messa nello sgabuzzino) per due motivi. 1) Se ti bulli di aver vinto il campionato di pallone del 2005 e quello del 2006 ma scarichi il principale artefice, significa che non hai le idee chiare (come il tizio che tira i pugni al jukebox per capirci). 2) Se i capoccia federali (e quindi Abete, presidente Figc, ma anche Petrucci, n° 1 del Coni) vedono coi loro occhi che qualcosa non va, ma fanno finta di niente secondo la regola non scritta ma assai praticata del «rimandiamo la questione che magari la gente si dimentica e alla peggio la rogna se la becca qualcun altro», allora significa che a palazzo c’è chi prova a fare il furbo.

Una partita pericolosa La Juventus Fc ha stravinto il suo scudetto e se lo merita tutto. La Juventus Fc, però, sta giocando una partita assai pericolosa. La prossima stagione (ce l’ha detto Agnelli) Del Piero e fratelli (anzi no, Del Piero non ci sarà e ha già detto che sta dalla parte del Palazzo. Mah...) sulla casacca bianconera in qualche maniera comparirà la famigerata terza stella. Ora, è probabile che da altre parti (leggi Milan e Inter) decidano di anticipare quella birba di Agnelli e mettano sulla rispettiva maglia - spariamo a caso - l’effigie dello scudetto nel caso dei rossoneri (perché il gol di Muntari era valido ecc ecc...) e una serie di tricolori a volontà i nerazzurri (perché Ronaldo ha preso la tranvata contro Iuliano ecc ecc...). È possibile anche che il Chievo decida di mettersi una stella pure lui, perché son dieci i campionati di serie A dei veneti (non consecutivi, ma chi se ne frega) e dunque è giusto festeggiarli. E anche il Novara l’anno prossimo metterà il suo orpello, una «A» gigante, perché è tornato in serie B e gli avversari devono sapere che giocano contro una squadra appena retrocessa. Il Napoli, invece, sta pensando di cucirsi addosso la Champions, perché è vero che è uscito con il Chelsea, ma è stata solo sfortuna e quella coppa in fondo è tutta loro. Anarchia pura insomma.

Gli scenari  Ecco, nel giorno della meritata gioia bianconera, per evitare che qualcuno faccia la battuta trita e ritrita («Gli juventini sono come certi hotel di provincia: hanno due stelle ma ne dichiarano tre»), per far credere al resto del mondo che in italia siamo persone serie e non pirletti senza briglie, per evitare tutto questo, sarebbe meraviglioso se i capi del calcio ci dicessero qualcosa. Che può essere A) «La Juve non può mettere la terza stella perché esiste una sentenza». Oppure B) «La Juve può mettersi la terza stella perché ci siamo sbagliati». Nell’attesa patron Preziosi mediterà se mettere sei Gormiti sulla maglia del Genoa, mentre Campedelli, insieme alla stella, appenderà ai pantaloncini un pandoro Paluani. Tanto da noi vale tutto.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Kurtz

    11 Maggio 2012 - 10:10

    In Italia ci sono juventini ed antijuventini, tertium non datur!! Tutta qui la questione per chi non conosce, e non vuole approfondire, la storia e i contenuti della farsa chiamata Calciopoli; delle prove emerse al processo di Napoli e delle motivazioni della sentenza emessa dal giudice Casoria. Quello che mi stupisce è che i formalisti d’accatto, quelli del “dura lex sed lex”, vengano fuori solo quando c’è di mezzo la vecchia Signora. Allorché, invece, si devono affrontare questioni come i passaporti falsi, i bilanci alterati, le intercettazioni nascoste che hanno permesso all’interista G.Rossi di regalare lo scudo della vergogna alla seconda squadra di Milano, le attività di spionaggio industriale contro le concorrenti, e così via, solo allora diventano tutti meno attenti e meno rigidi. Dalle mie parti si chiama ipocrisia. Io la chiamo, più semplicemente, partigianeria o “sentimento popolare”. Già, perché tutti dimenticano che la Juve è stata condannata sulla base di un principio met

    Report

    Rispondi

  • simonontistimo

    11 Maggio 2012 - 03:03

    Le verità sono queste: Biasin tu non sei Fonzie; il milan non ha vinto questo scudetto; l'inter non ha vinto lo scudetto del 98; la federazione non conta nulla fino a quando non dimostrerà serietà, imparzialità e precisione, la Juventus ha vinto 30 scudetti. Tutto il resto sono chiacchiere ed il vento se le porta via

    Report

    Rispondi

  • palmarius35

    09 Maggio 2012 - 08:08

    Il concetto del rispetto delle regole e delle sentenze è giusto. Ma quella del campo non è una sentenza? E qualcuno ha forse dimostrato in un solo processo, sportivo o penale che sia, che i campionati 2005 e 2006 sono stati illecitamente alterati? Quanto alle sentenze, vi sono paesi ai vertici della civiltà e della democrazia in cui tuttavia vige ancora per certi reati la pena di morte. Chi parla di rispetto delle sentenze, se la sente di confermarlo quando viene eseguita una condanna a morte? L'esempio è estremizzato? Forse, ma è comunque coerente. La realtà è che chi dovrebbe rivedere l'attendibilità del processo-farsa del 2006 non ha il coraggio, o le palle, per inimicarsi chi, per diletto o incoscienza, nel calcio ci ha messo tanti soldini.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    08 Maggio 2012 - 22:10

    Se non si pubblicano le intercettazioni e non si prendono provvedimenti nei confronti dell' "interina" ALLORA GLI SCUDETTI SONO TRENTA E VAI CON LA TERZA STELLA. Dice la volpe che non arriva all'uva, che l'uva non e buona. Andatevela a pigliar d'er culo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog