Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cristiano Malgioglio, "devo tutto a quella telefonata": come è nata "Ancora", scritta per Mina

Francesco Fredella
Francesco Fredella

Francesco Fredella è nato nel 1984. Pugliese d'origine, ma romano d'adozione. Laureato in Lettere e filosofia a pieni voti, è giornalista professionista. Si occupa di gossip da sempre diventando un punto di riferimento nel jet-set televisivo. Collabora con Libero, Il Tempo, Nuovo (Cairo editore). E' uno degli speaker della famiglia RTL102.5, dove conduce un programma di gossip sul digital space. E' opinionista fisso di Raiuno e Pomeriggio5.

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Tutti vorrebbero rivederla sulle scene. Ma Mina non torna. Sarebbe un sogno, il più grande regalo per tutti. Nella sua grande casa di Lugano Mina lavora, produce canzoni che sono sempre un grande successo e non rilascia interviste. Oggi compie 80 anni. E tutto il mondo della musica e delle tv le fa gli auguri. Adesso - nel giorno del suo ottantesimo compleanno- un grande successo di Mina, scritto da Malgioglio, non ha più segreti. Stiamo parlando di Ancora, ancora, ancora - un vero evergreen della musica italiana. È stato uno degli ultimi brani cantati da Mina alla Bussola, prima del suo addio alle scene. Era il 1978. Malgioglio ci svela in esclusiva com’è nato.

“Avevo scritto un testo per Mina. Doveva cantarlo alla Bussola. Ma quella canzone non le piaceva. Mi disse che aveva poco sex appeal - racconta Cristiano a Libero. Mi ero lasciato da poco con un mio fidanzato. Ero abbastanza triste in quei giorni. Ma decisi di rimettermi a scrivere. Tornai a casa per scrivere un altro testo e squillò il telefono per decine di volte - continua la Malgy -. Alla fine risposi. Era lui. Il mio fidanzato che mi aveva lasciato pochi giorni prima. Mi disse: Mi ami? Io risposi si. E lui: Dimmelo ancora, ancora, ancora. Mollai la cornetta. In due minuti scrissi quel brano. Auguro a Mina tutto il bene. È un’artista straordinaria e la sua voce fa sognare l’Italia ed il mondo intero”.

Dai blog