Cerca

Complimenti per la trasmissione

L'effetto "Ispettore Barnaby"

Cosa succede a La7 il sabato sera

Un telefilm che più tradizionale è impossibile

23 Luglio 2018

1
L'ispettore Barnaby e i suoi

Barnaby al massimo del sorriso

Un telefilm che più tradizionale è impossibile

Dicesi, tra gli addetti ai lavori della tv, «effetto Ispettore Barnaby» la stupefacente circostanza in cui un programma seriale, di serie B, ai limiti della monotonia, che costa come un pacchetto di sigarette, riesce senza un apparente motivo a macinare ascolti impensabili e salvarti il sabato sera.

Con L’ispettore Barnaby (sabato, prime time, appunto)  La7 ci ha campato per anni. Lo stesso Urbano Cairo, ipnotizzato da questa serie il cui episodio precedente pare invariabilmente uguale al successivo, ha rivelato che le repliche delle repliche dell’Ispettore, specie in questo periodo, continuano a salire di ascolto. La qual cosa è, oggettivamente, inspiegabile.

Naturalmente c’entrano le ansiolitiche ambientazioni nella verde contea immaginaria di Midsomer, una location fatta di boschi e animali, che declina dall’Oxfordshire al Surrey. E, naturalmente, c’entrano le indagini lente,  la recitazione teatrale e lo humour quasi sottotraccia del due protagonisti che si sono succeduti nel ruolo del deduttivo Ispettore: prima John Nettles nel ruolo di Tom Barnaby, poi Neil Dudgeon, il cugino più giovane con lo stesso cognome. Infine, forse, c’entrano i gesti lenti, il perbenismo da the delle cinque dietro al quale si celano delitti impensabili per la provincia inglese (gli unico competitors sono quelli di Padre Brown), che è un po’ quello che da noi accade nell’Umbria di Don Matteo. L’Ispettore Barnaby mi ricorda un po’ la mia infanzia infelice con l’ispettore Derrick. Il quale, essendo quadrato, teutonico e senz’orpelli mi veniva imposto da mio padre, mentre io impazzivo per Ellery Queen e il Tenente Colombo. Cairo, d’accordo col suo direttore Andrea Salerno, ha di fatto prennunciato la dipartita di Barnaby a vantaggio di nuovi progetti con Myrta Merlino o Massimo Giletti. Una sfida -dico sul serio- che ha a che vedere con la magia...
 
 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eleonora4198@virgilio.it

    eleonora4198

    24 Luglio 2018 - 10:10

    non lo danno più su la sette ma su 38 . e sono vecchi nel senso che quelli numerati 1 non li avevo visti . ma d'altra parte i bellissimi omicidi delle 21 sempre su 38 , da quanddo sky è passato a mediaset li hanno tolti . ed ervamo in tanti a vederli . il tenente kenda lo avete mai visto ? omicidi reali . adesso solo fuffa

    Report

    Rispondi

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

media