Cerca

A Monza

Ceramiche di Vietri e orto "a metri zero": la pizza napoletana nel cuore della Brianza

4 Ottobre 2019

0

Da domani ci sarà un po’ di Napoli nel cuore della Brianza. “Johnny Take Uè” sbarca a Monza con la pizza napoletana in un forno ricoperto di tappi, tra ceramiche di Vietri e un orto a “metri 0”. Il nuovo locale aprirà i battenti in via San Gerardo 1, dopo i due punti vendita di Milano e i locali di Napoli, Bergamo, Perugia, L’Aquila, Foligno e Rende in Italia e del ristorante di Londra. L’inaugurazione domani, sabato 5 ottobre alle 12, in una zona prestigiosa della città e in un palazzo d’epoca laddove Dario Oppressore, Giovanni Kahn Della Corte, Salvatore Trinchillo hanno voluto portare il proprio marchio in una versione 2.0 (aperta tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 23, venerdì e sabato aperti fino a mezzanotte). Il tutto nel pieno rispetto della tradizione partenopea, dal menù al design innovativo. Una pizza prelibata grazie alla lenta lievitazione e la lunga maturazione dell’impasto. Dalla pasta di Gragnano trafilata a bronzo Igp, alle eccellenti carni italiane e al pescato d’eccellenza. Il tutto per offrire ai clienti prodotti a cinque stelle, forti anche di un servizio attento ai dettagli per puntare alla fidelizzazione di chi sceglierà “Johnny Take Uè” per ammirare, inoltre, un design che richiama il successo degli altri locali del marchio: un forno elegantemente arricchito di un rivestimento con tappi colorati di bottiglie di ferro, da un’idea dell’artista Luigi Masecchia di “Ttappost” (progetto artistico, sociale ed ecologico, che coinvolge ragazzi diversamente abili o appartenenti a categorie svantaggiate). Un arredo che propone un mix tra vintage e futuro per gli 80 posti della sala interna, arricchito nel punto vendita di Monza dalla lucentezza delle ceramiche di Vietri. Sul soffitto vecchi giornali e all’esterno una splendida novità: un meraviglioso giardino che ospiterà altri 40 posti in un orto a “metri 0”, ossia con tutti prodotti alimentari come basilico, pomodori e tanto altro coltivati come in casa, pronti da gustare da una clientela che potrà scegliere pietanze in un menù che richiama la tradizione napoletana ma con un occhio attento ai gusti della modernità. Un brand, quello di “Johnny Take Uè”, sempre più in ascesa che, a breve, esporterà l’eccellenza partenopea nel resto d’Europa e presto anche ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi.

 

di Giuliana Covella

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Liliana Segre, a Milano la marcia di solidarietà dei sindaci: "L'odio non ha futuro"

Matteo Salvini, messaggio ai giallorossi: "Il mio obiettivo è tornare al governo"
Zingaretti, l'amara ammissione sulla verifica di governo: "Dobbiamo ridare la fiducia agli italiani"
Mes, Giuseppe Conte: "Non temo il confronto con il Parlamento"

media