Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Renzi, che brutta fine alla Leopolda: ora è lui a intervistare Paolo Bonolis, non viceversa

Maria Pezzi
  • a
  • a
  • a

Fa uno strano effetto vedere Matteo Renzi nei panni dell'intervistatore e non dell'intervistato. Renzi non è più al centro della scena politica, questo si sa, ma fa effetto notare che non è neppure al centro della scena a casa sua, alla Leopolda. Curioso vederlo fare domande su Bim Bim Bam a Paolo Bonolis, ospite della kermesse dell'ex premier. "Sembro Marzullo", dice. Non gli manca l'autoironia mentre siede su una scrivania che ricorda molto (gli piacerebbe) il late show di David Letterman.  Leggi anche: "A che titolo parla?": Giovanni Floris gela Matteo Renzi Con Bonolis parla di tv, censura, politica, leggerezza, Kubrik e delle passioni del conduttore. Oltre a Marzullo e Letterman (dei poveri) Matteo Renzi ricorda anche Fabio Fazio, soprattutto nelle domande scomode. Tipo: "Qual è il tuo film preferito?". Bonolis è la star. Attraverso una serie di fotografie private e non, parlano di tutto, da Walter Bonatti a Cento anni di solitudine. Giustamente, dalla platea, l'ex iena Enrico Lucci urla: "Presentate Sanremo!". Che Bonolis sia un grande showman, non ci piove. Ma come conduttore, Renzi deve ancora fare tanta gavetta. Ma ce la può fare. di Alessandra Menzani

Dai blog