Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mafia: Maria Falcone, da Miccoli gratuito disprezzo, scuse a citta'

default_image

  • a
  • a
  • a

Palermo, 27 giu. - (Adnkronos) - Le parole di Fabrizio Miccoli, il capitano uscente del Palermo, sul giudice Giovanni Falcone sono "gravissime" ed esprimono "gratuito disprezzo verso chi ha combattuto per difendere la nostra democrazia". A dirlo e' Maria Falcone, sorella del giudice antimafia ucciso dal tritolo di Cosa nostra, nel giorno in cui l'ex bomber rosanero ha tenuto una conferenza stampa in un noto hotel del capoluogo siciliano per chiedere scusa e fornire la sua versione dei fatti. "Fabrizio Miccoli dovra' scusarsi non con me ma con tutta la citta' di Palermo, i palermitani ed i tifosi che ha deluso" aggiunge la sorella del magistrato, all'estero per un convegno internazionale. Nel pomeriggio, alle 16, un gruppo di cittadini e tifosi deporra' una maglia del Palermo davanti l'Albero Falcone, in via Notarbartolo. Un gesto "importante per prendere le distanze e ristabilire la posizione di tanti tifosi e cittadini che, certamente lontani dalle gravissime parole dell'ex capitano rosanero, Fabrizio Miccoli, sono rimasti basiti e addolorati da tanto gratuito disprezzo verso chi ha combattuto per difendere la nostra democrazia". A loro Maria Falcone che non potra' essere a Palermo per l'iniziativa davanti all'albero di via Notarbartolo, esprime ""pieno apprezzamento e gratitudine". "Giovanni Falcone era un grande sportivo - conclude -, credeva e praticava lo sport nelle sue diverse discipline, ne riconosceva l'importanza e il valore formativo nei giovani. Lo sport, amava dire, e' una delle prime palestre in cui si applica la condivisione e il rispetto per le regole".

Dai blog