Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La falsa partenza del 730 online

Matteo Legnani
  • a
  • a
  • a

Quello di ieri è stato il "730 day", nel corso del quale la numero uno del Fisco Rossella orlandi ha illistrato il nuovo modulo precompilato. E oggi sono state oltre duecentomila le richieste di accesso al modulo registrate dal sito dell'Agenzia delle entrate. Secondo ammissione della stessa orlandi, però, solamente il 15% dei modelli 730 precompilati verrà accettato senza modifiche dai destinatari. La restante parte, ovvero l'85% necessiterà invece di interventi (possibili dal 1 maggio) che saranno poi integrate nelle dichiarazioni automatiche degli anni a venire. L'eventualità di un controllo da parte del Fisco, in caso di modifica o integrazione dei dati inviati, potrebbe però disincentivare il contribuente dall'apportare modifiche, portandolo a rinunciare quindi a d inserire poste irrisorie ma comunque rientranti nella fattispecie delle possibili detrazioni. L'incontro ravvicinato col modello precompilato permette di confermare che in diversi casi, come scrive Italia Oggi, i modelli 730 predisposti dal Fisco contengono dati non corretti per quanto riguarda le spese dei mutui, i redditi dei fabbricati, il mancato abbinamento di più redditi posseduti nel 2014. Segnalate anche la mancata indicazione del codice fiscale del sostituto d'imposta e il mancato inserimento dei giorni di lavoro utili ai fini del calcolo delle detrazioni per lavoro dipendente. Il 730 è poi risultato carente in alcuni oneri e detrazioni d'imposta per i quali il fisco non ha accesso. Si tratta, per fare qualche esempio, delle spese mediche sia per l'acquisto di medicinali che per le prestazioni specialistiche , delle erogazioni in favore di onlus e fondazioni, delle spese funebri e di quelle per la frequenza ai cosri universitari dei familiari a carico e così via. Per altri contribuenti ancora, l'accesso al precompilato si è risolto in un nulla di fatto: chi infatti ha presentato più dichiarazioni nel 2014, integrative o correttive, si è trovato di fronte a un messaggio nel quale si avvisava l'utente che nessun precompilato era stato predisposto dall'Agenzia delle Entrate.

Dai blog