Cerca

Parla il sociologo

Luca Ricolfi: "Italia verso il crac economico se non si abbassano le tasse"

10 Novembre 2018

2
Luca Ricolfi: "Italia verso il crac economico se non si abbassano le tasse"

"E' strano, ma nessuno aveva ancora provato a calcolare quanto, complessivamente, ci è finora costata l'incertezza politico-finanziaria che si è instaurata in Italia dopo le elezioni del 4 marzo 2018". Luca Ricolfi, in una intervista a ItaliaOggi, commenta i dati delle ricerca effettuata dalla sua Fondazione Hume: le perdite virtuali di Borsa, obbligazioni e titoli di Stato, esclusi quelli detenuti da Banca d'Italia e investitori esteri, sono arrivate a 164,6 miliardi di euro. Per i mercati il problema, spiega Ricolfi, è "la nostra inaffidabilità". 

E "se l' economia europea rallenta, noi che da vent'anni cresciamo la metà degli altri paesi inevitabilmente ci fermiamo". L'unico modo di uscire da questa situazione, continua il sociologo, "è una drastica riduzione dell'imposta societaria (Ires + Irap), che è però anche l'unico punto del programma gialloverde sostanzialmente inattuato. Gli sgravi fiscali previsti sono ridicoli, e compensati da maggiori tasse". E Matteo Salvini che "si è intestato la riforma previdenziale della Fornero", quando "si è accorto che costava troppo", "ha dovuto rinunciare alla riduzione delle tasse sulle imprese che invece avrebbe dato una spinta immediata all'economia". 

Infine la profezia: "A breve il rallentamento dell' economia, accompagnato da uno spread a quota 300, colpisce soprattutto i ceti medi, che detengono ricchezza finanziaria sensibile, ovvero azioni, titoli di Stato, obbligazioni. Nel medio periodo, ossia dopo le elezioni europee, a soffrire saranno prima le imprese, poi i ceti popolari, con la distruzione di un bel po' di posti di lavoro. Nel lungo periodo il conto lo pagheranno i nostri figli e nipoti, perché ogni aumento del debito pubblico, comunque vadano le cose, toglie gradi di libertà alle generazioni future".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LePendu

    10 Novembre 2018 - 16:04

    potter: gabbia culturale o meno, Ricolfi ribadisce una verità incontrovertibile: la ripresa economica passa necessariamente per la riduzione delle imposte, checché ne dicano pentastellati, soloni e professori, compreso lei, pare. La riduzione (reale, non annunciata o taroccata) delle imposte è "conditio sine qua non" per la ripresa economica. Altre ricette non ce ne sono, caro potter.

    Report

    Rispondi

  • potter

    10 Novembre 2018 - 15:03

    Ricolfi non sa liberarsi dalla gabbia culturale del secolo scorso. Difesa dei posti do lavoro indipendentemente da ciò che si produce; enfatizzazione delle fluttuazioni dei corsi di borsa prescindendo dai contenuti speculativi; spread e rallentamento dell'economia in UE. Dal sociologo neanche una parola dubbiosa sulla capacità della commissione europea, eppure la Grecia insegna.

    Report

    Rispondi

media