Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Governo, meno tasse sul lavoro: fondo taglia-cuneo da spending review e lotta all'evasione

Il premier, Enrico Letta

In Parlamento si lavora alla manovra: risorse per diminuire al 50% la pressione fiscale su imprese, autonomi, dipendenti e pensionati. Ma i dubbi restano

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

Si fa presto a dire "ridurremo le tasse sul lavoro". La verità è che non ci resta che sperare. Il governo sabato sera ha annunciato il via libera al fondo taglia-cuneo, che verrà utilizzato in egual misura per ridurre le tasse su imprese, lavoratori autonomi e professionisti da un lato e lavoratori dipendenti e pensionati dall'altro. Il guaio è che quel fondo, ufficialmente "Fondo per la riduzione della pressione fiscale" al momento è ancora "senza portafoglio": vale a dire, non è chiara l'entità delle risorse a disposizione del governo. E questo perché i soldi proverranno da lotta all'evasione fiscale e spending review, due voci di per sé sempre incerte ed aleatorie. Il meccanismo di funzionamento del taglia-cuneo però è già chiaro: deduzioni per le imprese, detrazioni per lavoratori e pensionati. Pensioni e dipendenti PA - I lavori in Parlamento sulla legge di Stabilità, intanto, continuano. Approvato l'emendamento che prevede la rivalutazione al 95% per le pensioni comprese tra 1.500 e i 2.000 euro (3 e 4 volte la minima), mentre scende al 50% quella per gli assegni 5 e 6 volte la minima. Per le pensioni superiori di 6 volte il trattamento minimo, la rivalutazione sarà del 40% nel 2014 e del 45% per 2015 e 2016. Cambiano anche gli stipendi dei dipendenti pubblici: addio al "galleggiamento" che prevedeva una retribuzione "superiore" per quei dipendenti tornati nella Pubblica amministrazione dopo aver svolto incarichi "esterni". Riceveranno cioè "un trattamento pari a quello attribuito al collega di pari anzianità". Non tornano ancora i conti sulla Tobin Tax: il governo ha respinto un emendamento bipartisan che prevedeva l'allargamento della tassa a tutte le transazioni e derivati, con aliquota abbassata dallo 0,2 allo 0,1 per cento. 

Dai blog