Cerca

La vittima

Cesare Battisti, Alberto Torregiani: "Non oso immaginare che possa fuggire ancora. In carcere subito"

13 Gennaio 2019

0
Alberto Torregiani

Per la cattura di Cesare Battisti esulta Alberto Torregiani, il figlio del gioielliere ucciso nel 1979 dai Proletari armati per il comunismo in una sparatoria in cui rimase colpito e paralizzato a vita. "È fatta. Credo sia la volta buona", ha commentato Torregiani, che da lunghissimi anni attende giustizia. "Forse davvero è una buona giornata", ha aggiunto. Dunque, il timore di chi da troppo tempo attende una svolta: "Non oso pensare che ora possa trovare un escamotage. È impossibile che non venga estradato in Italia. Tecnicamente è un fuggiasco, non coperto da nessuno status particolare. È un latitante e non ha più benefici. Quindi credo che nell'arco di 48 ore, una settimana al massimo sarà in carcere in Italia. Non penso i brasiliani abbiano tanta voglia di tenerselo". Di sicuro, non se lo vuole tenere il Brasile di Jair Bolsonaro. Torregiani non parlava ormai da un anno. L'ultimo intervento fu al Giornale Radio Rai, quando ribadì che "Battisti è un criminale e un bugiardo che prende in giro tutti. È il responsabile morale dell'omicidio di mio padre".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"Ecco chi sono i veri sciacalli". Coronavirus, Bechis inchioda Conte & Co: il video clamoroso

Coronavirus, la risposta dei ragazzi veneti alla giornalista: "Paura? No, noi abbiamo l'alcol. Ci proteggerà"
Coronavirus, l'annuncio di Attilio Fontana: a quanto sono arrivati gli infetti in Lombardia
Coronavirus, l'allarme del professore Ippolito: "È una guerra che vogliamo combattere"

media