Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siria, liberato Sergio Zanotti. Giuseppe Conte esulta: "Grande lavoro di intelligence"

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

Dopo un grandissimo e difficile lavoro di intelligence e dopo tre anni in ostaggio di Al Qaeda, è stato finalmente liberato Sergio Zanotti, rapito in Siria nel 2016. "A conclusione di una complessa e delicata attività di intelligence, investigativa e diplomatica, condotta in maniera sinergica, in data odierna siamo riusciti a ottenere la liberazione di Zanotti", ha detto il premier Giuseppe Conte: "Il nostro connazionale appare in buone condizioni generali e tra qualche ora rientrerà in Italia, a Roma". Un ulteriore successo delle nostre istituzioni e, in particolare, dell'Aise: a loro il mio più vivo e sentito ringraziamento", ha concluso il presidente del Consiglio.   Leggi anche: Bresciano rapito in Siria, gira un video: "Ultimo avvertimento..." "Una splendida notizia", commenta il ministro dell'Interno Matteo Salvini. "Felice per la liberazione di Zanotti, l'ennesima operazione che conferma l'efficacia della nostra intelligence. Abbiamo professionisti di grande capacità e che tutelano gli italiani, sia in Patria che all'estero".

Dai blog