Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Malcom MacDonald, perde il pene e glielo fanno ricrescere sul braccio: un caso unico al mondo, ma per 4 anni è costretto a vivere così

  • a
  • a
  • a

Lo strano caso di Malcom MacDonald, un britannico di 45 anni e primo al mondo ad avere un pene artificiale sul braccio. Strano, ma vero. L'uomo a causa di una grave infezione al perineo perse l'organo nel 2014. Due anni dopo chiese aiuto al sistema sanitario inglese che, tramite un finanziamento di 50 mila sterline - rivela Fanpage -, lo ha condotto da David Ralph, medico a capo di un'equipe dell'University College Hospital di Londra, altresì noto come "il maestro del pene". Ralph ha spiegato a MacDonald di essere in grado di ricostruire l'organo, ma soltanto sul braccio. Almeno per due anni: successivamente, sarebbe stato possibile muovere l'organo nei pressi dell'inguine.

 

Un caso di chirurgia unico al mondo: i medici hanno così prelevato un lembo di pelle dal braccio di Malcom, creando un pene dotato di vasi sanguigni e terminazioni nervose, aumentandone per inciso anche la lunghezza di un centimetro. Successivamente i dottori hanno installato dei tubi per formare l'uretra e permettergli di avere un'erezione meccanica.

 

Peccato però che a causa dei ritardi del servizio sanitario inglese, l'uomo non sia rimasto col pene sul braccio per due anni, ma per quattro, durante i quali ha sempre cercato di coprire in qualche modo l'organo. L'ultima causa del ritardo, la pandemia da coronavirus. Morale della favola, MacDonald dovrebbe essere operato entro la fine del 2020.

Dai blog