Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Angela Merkel, la spia egiziana dentro il suo ufficio stampa. Germania sconvolta: "Soffiate per far avere la pensione alla mamma"

  • a
  • a
  • a

Rischia 5 anni di carcere Armin K., la spia egiziana infiltrata nell'ufficio stampa di Angela Merkel. Un caso, sollevato dal quotidiano Bild, che ha scosso la politica tedesca. Lo 007 è stato ufficialmente incriminato, con l'accusa di aver trasmesso informazioni riservate al Servizio di intelligence del Cairo (Gis). Armin, ufficialmente agli ordini del potentissimo portavoce della Cancelliera Steffen Seibert, rispondeva in realtà al Cairo e secondo dagli inquirenti almeno dal 2010 sfruttava la sua posizione per fornire ai servizi del proprio paese d'origine informazioni principalmente sui giornalisti egiziani in Germania.
 

 

 

In cambio di cosa? Un aiutino dalle autorità egiziane per far ottenere la pensione alla mamma, a casa. "L'imputato voleva aiutare i servizi segreti egiziani - spiegano dalla procura, come riportato anche da La Verità - inviandogli le sue osservazioni su come i media affrontavano le politiche interne ed estere relative all'Egitto, nonché la situazione generale delle notizie". Con particolare attenzione per coloro che vengono considerati gli "oppositori" di Al Sisi e del regime al potere. 

Dai blog