Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guendalina Tavassi confessa: "Così hanno rubato i miei video intimi. Una cos schifosa, assurda"

Francesco Fredella
  • a
  • a
  • a

La reazione di Guendalina Tavassi - influencer di grido con 1 milione di follower e una carriera nel mondo della tv - è comprensibile. I suoi video intimi, privati, destinati a suo marito, sono finiti in Rete: qualcuno ha hackerato il profilo ICloud violando ogni tipo di norma. Ma soprattutto è stato messo sotto ai piedi il buon senso. Quei video sono finiti su gruppi social. La vita di Guendalina Tavassi, che chi conosce bene descrive da sempre come una donna molto forte, è cambiata. Lei, ne siamo certi, presto tornerà a sorridere come ha sempre fatto. Adesso Guendalina parla in esclusiva con Libero

“Hanno rovinato la mia famiglia. Ho risposto ad alcune mail che sicuramente hanno invitato questi hacker e sono riusciti ad entrare nel mio ICloud prendendo dei video privati, che avevo mandato a mio marito, e sono finiti in Rete. Chiedo a chiunque di cancellarli, state rovinando la mia vita”, racconta a Libero Guendalina Tavassi. Il suo avvocato, Leonardo D’Erasmo, promette battaglia: “La Postale ha in mano tutto. Adesso chiunque scherza con questa faccenda pagherà le conseguenze, il revenge porn è un reato. Si va in galera”. 

Ma Guendalina racconta tutto senza troppi filtri e parla anche di estorsione. “C’è gente che subito dopo la diffusione di questa notizia mi ha contattato chiedendo soldi per la rimozione del video, altre persone che hanno chiesto in cambio follower. Una cosa davvero schifosa, assurda”, racconta Guendalina con un filo di voce al telefono. Ora l’ex gieffina,sposata da anni con Umberto D’Aponte - (la loro storia d’amore, per chi ama il gossip, è bellissima perché sono affilatissimi) - è pronta a rimettere la palla al centro. Per ricominciare.

“Su Instagram tantissime persone mi sono state vicine, e questo mi fa piacere”, racconta Guendalina. “Sono felice delle manifestazioni d’affetto ricevute in questi giorni. Per fortuna ci sono molte persone sensibili”, conclude la Tavassi.

 

 

Dai blog