Cerca

G8, "la morte di Giuliani

fu legittima difesa"

25 Agosto 2009

24
G8, "la morte di Giuliani
Stavolta lo dice Strasburgo: il carabiniere Placanica, che nel luglio del 2001 uccise Carlo Giuliani durante il G8 di Genova, ha agito per legittima difesa. Si è sentito in pericolo e ha reagito. Questo è quanto ha stabilito la Corte europea dei diritti dell'uomo in una sentenza resa pubblica oggi.
I giudici di Strasburgo hanno quindi accettato la versione delle autorità italiane su come si sono svolti i fatti inerenti la morte del giovane. Secondo la sentenza, infatti, il militare che sparò a Giuliani non è ricorso a un uso eccessivo della forza, ma ha risposto a quello che ha percepito come un reale e imminente pericolo per la sua vita e quella dei suoi colleghi.

I giudici di Strasburgo hanno ritenuto che, a differenza di quanto sostenuto dalla famiglia Giuliani, il governo italiano abbia cooperato sufficientemente con la Corte, consentendo di condurre un appropriato esame del caso. Nessuna violazione, dunque, dell'articolo 38 della convenzione che impone agli Stati contraenti di fornire tutte le informazioni richieste dai giudici di Strasburgo.

La Corte ha dato invece ragione ai familiari di Carlo Giuliani riconoscendo che l'Italia avrebbe dovuto svolgere un'inchiesta per stabilire se il fatto potesse essere ascrivibile a una cattiva pianificazione e gestione delle operazioni di ordine pubblico. Per questo i giudici hanno stabilito che lo Stato dovrà risarcire 40.000 euro ai genitori di Carlo Giuliani.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    27 Agosto 2009 - 14:02

    la pistola in dotazione e' un casino usarla dovrebbero dare un garofano a tutti i poliziotti in servizio. cosi' quando muoiono hanno gia' il fiore da porre sulla loro tomda e magari scusarsi prima di morire. h settant'anni e mi viene in mente la mia povera mamma quando facevo il discolo mi diceva "io ti ho fatto ed io di distruggo" aveva ragione. cara mamma ancora grazie per avermi insegnato a vivere.

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    27 Agosto 2009 - 12:12

    La stampa al servizio, tra cui questa testata, ha messo in evidenza il dito, cioè il carabiniere Capranica e non la luna, cioè la gestione dell'ordine pubblico durante il G8. Oggetto del giudizio e unica controparte nel giudizio era il Governo Italino e non il Carabiniere Capranica. Si legga la sentenza e si renderà conto che la notizia non è: la scriminate per legittima difesa di Caprania (cosa del resto già accertata e riconosciuta dalla magistratura italiana)ma la responsabilità del Governo Italiano per aver omesso qualsiasi indagine per l'accertamento delle responsabilità sulla gestione dell'ordine pubblico del G8. Si rassegni, il risarcimento dei danni toccherà pagarlo a noi cittadini, sorrida in fondo si tratta solo di 40.000 euro che, a confronto del debito dell'Alitalia sono bruscolini. Per la stampa "al servizio" l'importante è che Lei continui a credere che questo Governo non mette mai le mani nelle tasche degli iItaliani.

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    27 Agosto 2009 - 08:08

    Finalmente Caplanica può essere lasciato in pace e chi lo ha criticato ritirarsi in buon ordine, mi spiace solo che qualcuno di questi, riceva anche 40mila euro di risarcimento dallo Stato (come se essere stato eletto senza merito non fosse già di per sè un buon investimento) Vorrei aspettare il commento della sentenza perche delle due l'una se uno sbaglio (e non ci credo) e stato fatto il colpevole e non noi cittadini tutti, deve pagare quei 40mila, oppure il risarcimento non andava assolutamente dato e quinda la sentenza è da impugnare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media