Cerca

Quando l'Unità definì la Rice

una "donna-scimmia"

3 Settembre 2009

11
Quando l'Unità definì la Rice
L’Unità perde il pelo, ma non il vizio. Quando si tratta di denigrare un “avversario” politico non perde tempo e punta alla sua intimità: perché se il quotidiano ora diretto da Concita De Gregorio ha lasciato intendere che Berlusconi soffre di impotenza, cinque anni fa aveva messo nero su bianco che Condoleeza Rice non era una donna qualunque, ma la “’lider maxima’ delle donne scimmia”.
L’elegante definizione è di Lidia Ravera (nella foto) e risale al 25 novembre 2004, quando sul giornale allora diretto da Furio Colombo comparve un articolo dal titolo “ Fa’ qualcosa di sinistra”. Un titolo che valle più di mille parole.
Ecco lo stralcio di articolo dedicato alla Rice, quando ricopriva il ruolo di segretario di Stato nell’amministrazione del guerrafondaio George W. Bush: “Condoleeza Rice, indubitabilmente nera e senza alcun dubbio donna, certamente afflitta da una vita di mestruazioni a cui, probabilmente, data l'età, è seguita la mai troppo rimossa menopausa. Le compagne "vecchie" (o vecchie compagne?) hanno provato un brivido di orgoglio, per così dire, castale nell'apprendere che un essere umano di tipo femminile, nero e pure di mezz'età (tre sfighe in una persona sola) era assurto a una delle massime cariche del mondo, quello di complice number one di un personaggino come George W. Bush. (…). Condoleeza, con quelle guancette da impunita, è la "lider maxima" delle donne-scimmia”.
Nello stesso pezzo, poche righe prima di arriva a definire la Rice una “donna scimmia”, la Ravera si definiva “femminista, non perché penso che le donne sono ‘migliori degli uomini’ o ‘brave quanto gli uomini’, io sono femminista perché penso che le donne sono ‘diverse dagli uomini’ e questa diversità, invece di essere valorizzata, continua ad essere considerata un handicap e le penalizza”.
Alla faccia del femminismo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sidereus40

    04 Settembre 2009 - 12:12

    come mai ti definisci testedicazzo? ne hai forse più di una?

    Report

    Rispondi

  • misspina

    04 Settembre 2009 - 09:09

    e' solo una grandissima ST..ZA a roma sta parola e' usata per asprimere tante cose..................

    Report

    Rispondi

  • elwood23

    04 Settembre 2009 - 09:09

    il web ti permette in tempo reale di verificare quanto è stato scritto dai giornali ed è quello che ho fatto dopo aver letto questo articolo. Beh il senso di ciò che ha scritto la ravera sull' unità non è proprio quello che riporta libero. Donna-scimmia non è riferito alla rice in quanto nera ma a tutte le donne che scimmiottano comportamenti maschili. La ravera non se la prende con la rice (anche se si capisce benissimo che non la stima) ma con le "compagne" (fa anche i nomi) che la lodavano a prescindere dai suoi convincimenti politici in quanto donna (e nera e di mezz' età). Riguardo alla menopausa è quasi autoironico (la ravera ha passato i 50 da un pezzo). Per assurdo propone un punto di vista che non è lontano dalle posizioni più volte enunciate da tanti pensatori di destra. Visto che il web lo consente consiglio di leggere l' articolo integralmente prima di commentare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media