Cerca

Dl salva-infrazioni, sì della Camera

Bossi: il governo non scivola sull'acqua

18 Novembre 2009

2
Dl salva-infrazioni, sì della Camera
La Camera dice sì al decreto salva-infrazioni Ronchi discusso oggi in Parlamento. Ha confermato la fiducia al governo con 320 sì e 270 no. Il dl contempla la possibilità di aprire anche ai privagti il monopolio dell'acqua. Sulla questione mercoledì è intervenuto il ministro delle Riforme Umberto Bossi: "Non si può far saltare il governo per una legge. Non si muore per una legge, quella si può cambiare. Si muore se cade il governo".

La norma contestata - Alla Camera è stata posta la questione di fiducia sul decreto Ronchi, il cosiddetto dl «salva infrazioni» per l'attuazione di obblighi comunitari, già approvato dal Senato, che contiene anche la contestata norma sulla riforma dei servizi pubblici compresa la liberalizzazione dell'acqua. Il decreto deve essere convertito in legge entro il 24 novembre, pena la decadenza. Con l'articolo 15 del decreto arriva la liberalizzazione dei servizi pubblici locali. Le gare ad evidenza pubblica diventano la regola per l'affidamento dei servizi (ad eccezione della distribuzione dell'energia elettrica, del trasporto ferroviario regionale e delle farmacie comunali e compresa l'acqua che, però, rimane bene pubblico) da parte delle amministrazioni.



Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Shift

    20 Novembre 2009 - 13:01

    Sulla faccenda dell'acqua non sono per niente d'accordo con la maggioranza. L'acqua è un bene primario che deve essere libero da qualsiasi intrusione economica di privati. Far salire i costi di tale servizio significa mettere a terra intere famiglie italiane che sono già ai limiti della sopravvivenza. Comprendo che la privatizzazione renderà più efficiente la gestione di costi e la limitazione degli sprechi, cosa che chiunque dà per certa, ma farà aumentare inevitabilmente i costi dell'acqua per gli inevitabili profitti che i privati chiederanno. Fra tanti problemi che l'Italia possiede dei più urgenti, proprio all'acqua si dovevano attaccare? Ai politici sembrerà una stupidaggine ma stanno rischiando più su questo argomento che per tutti gli altri argomenti politici sul tappeto messi assieme. Trovo che sia stato idiota iniziare proprio dall'acqua a risolvere i problemi italiani. La cosa si risolverà con una grossa perdita di consensi e di voti per i partiti che l'hanno votata.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    18 Novembre 2009 - 17:05

    Wow....è tornata l'acqua su Libero!!! Quanto sarà costata la bolletta?? Legaioli e italioti!!! sarete contenti quando vedrete le bollette dell'acqua schizzare in su!! E questo non è nulla !! Aspettate il federalismo fiscale e vedrete le tasse comunali e regionali dove arriveranno!!!

    Report

    Rispondi

media