Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Troppi morti in mare: serve conoscenza, rispetto e attenzione

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

Il fatto che l'Italia sia da sempre circondata da tre parti dal mare, non autorizza a trattare il medesimo con sufficienza. In questo mese di agosto sono molte, troppe le persone morte in mare per proprie leggerezze o talvolta per fatalità. Sono purtroppo morti in mare anche giovanissimi stranieri che si erano buttati in acqua pur consapevoli di non sapere nuotare. Il mare, ripeto, richiede conoscenza, attenzione e rispetto. Ricordiamo comunque che di Federica Pellegrini e di Filippo Magnini non ce ne sono molti in giro e anche loro, come mi raccontò una volta Federica Pellegrini, hanno molto rispetto per il mare, non lo considerano un compagno di strada. In questi ultimi giorni di vacanza fate attenzione. di Maurizio Costanzo

Dai blog