Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crac Etruria, perquisizioni in 14 società: perché c'entra anche la famiglia Renzi

Giovanni Ruggiero
  • a
  • a
  • a

È partito all'alba il blitz della Guardia di Finanzia per quattordici società con sede in Toscana, Lombardia, Liguria ed Emilia-Romagna, che hanno ricevuto finanziamenti dalla Banca Etruria e sono riconducibili, secondo la Procura di Arezzo, all'ex presidente Lorenzo Rosi e all'ex consigliere Luciano Nataloni, già vicepresidente di Banca Del Vecchio. I due sono indagati dal pm Roberto Rossi per "omessa comunicazione del conflitto di interessi", non avendo comunicato al Consiglio di amministrazione dell'istituto aretino, dopo la concessione di fidi bancari, di avere un ruolo in quelle società. Quelle concessioni di liquidità da parte di Banca Etruria non sono mai state saldate dai beneficiari, provocando una sofferenza o una perdita per la banca stessa. Le società - Le 14 società perquisite dai finanzieri sono attive in diversi settore come costruzioni di edifici, compravendita di beni e servizi e intermediazione immobiliare. Tra i settori interessati c'è anche la gestione degli outlet che, scrive il Corriere della sera, era diventata la nuova attività di Rosi con la sua Egnatia shopping mall. Tra i soci di questa società c'è la Castelnuovese, già visitata dalle Fiamme gialle lo scorso giovedì, il cui socio di riferimento è la Nikila Invest, titolare a sua volta di una quota del 40% della Party srl. Tra i soci di quest'ultima figura Tiziano Renzi, padre del Presidente del consiglio, e Laura Bovoli, madre del premier, che è amministratore unico.

Dai blog