Cerca

L'autopsia

Desirée Mariottini, le ultime ore prigioniera del branco prima di morire: "Ha provato a difendersi"

1 Novembre 2018

1
Omicidio Desirée, lo schifo del branco a San Lorenzo: "Meglio lei morta che noi in galera"

Nelle sue ultime ore di vita, Desirée Mariottini si è difesa dal branco di stupratori africani che le tenevano ormai segregata nel palazzo abbandonato al quartiere san Lorenzo di Roma. Secondo gli ultimi elementi emersi dall'autopsia, la 16enne di Cisterna di Latina uccisa in quello stabile è morta proprio come aveva raccontato una sua conoscente al Tempo: "L'hanno drogata, poi stuprata, poi drogata di nuovo e violentata ancora dalle 18 - ha detto la ragazza - Fin quando alle due di notte era morta".

Leggi anche: Desirée Mariottini, la porcheria di Viola Carofalo di Potere al popolo: "Era una tossica, è stata fortunata"

A conferma di quanto sostenuto dal medico legale, ci sono i segni sul corpo della ragazza: "La minorenne - scrive il medico - mediante costrizione delle braccia e delle gambe, veniva costretta a subire ripetuti rapporti sessuali".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    02 Novembre 2018 - 10:10

    Doni & Risorse....Don Ciccio e Lauretta ....sono sempre convinti ?

    Report

    Rispondi

media