Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Immigrati, rivolta dei sindaci rossi: Orlando e De Magistris non applicheranno il decreto sicurezza

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

Rivolta dei sindaci "rossi" contro Matteo Salvini e il suo Decreto sicurezza. Sono Leoluca Orlando, primo cittadino di Palermo, e Luigi De Magistris, Masaniello di Napoli, a guidare la "resistenza civile" sugli immigrati. Orlando ha ordinato all'ufficio anagrafe di non applicare le misure che negano la possibilità di concedere la residenza, e quindi la carta d'identità e certi servizi, a chi ha un semplice permesso di soggiorno."Una semplice applicazione dei diritti costituzionali", spiega lui, contro "un provvedimento criminogeno". Al fianco di Orlando si schierano la Cgil e il Pd isolani e i candidati alla guida del Pd Nicola Zingaretti e Maurizio Martina., e ovviamente De Magistris che a nome dei sindaci "uniti e leali alla Costituzione" promette di boicottare a sua volta la norma. GUARDA IL VIDEO - "Per loro gli immigrati contano più degli italiani". Salvini asfalta Orlando e De Magistris La reazione di Salvini è tranchant: "Con tutti i problemi che ci sono a Palermo, il sindaco sinistro pensa a fare disobbedienza sugli immigrati". A coloro che non applicheranno il decreto, il ministro degli Interni promette che ne risponderanno "personalmente, penalmente e civilmente, perché è una legge dello Stato che mette ordine e regole". Molto più cauti altri sindaci di sinistra come Beppe Sala (Milano), Virginio Merola (Bologna) e Dario Nardella. Gli ultimi due hanno comunque annunciato che useranno le tasse municipali per finanziare l'accoglienza agli stranieri che Roma non pagherà più. Per la gioia dei loro concittadini.

Dai blog