Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rom con 30 denunce alle spalle beccata a rubare: non va in carcere, l'assurdità della giustizia italiana

Ventura Cigno
  • a
  • a
  • a

Anche se sorpresa a rubare e con 30 denunce alle spalle una rom 36enne comunque non andrà in carcere perché incinta. Questa la vicenda, che ha dell'assurdo, di una nomade di origini bosniache colta sul fatto da una ragazza che attendeva la metro alla stazione di Milano Cadorna a cui le è stato rubato il portafogli.   La donna, il cui cognome Hrustic rimanda a una delle più note famiglie rom della capitale, può tranquillamente girare a piede libero per le strade e le stazioni di Milano nonostante su di lei gravi un ordine di carcerazione e un cumulo pena di 9 anni. Leggi anche: Rom circondano agenti, costretti a sparare La rom si è avvicinata a una ragazza ferma sulla banchina della metropolitana di Cadorna e dopo averle sottratto il portafogli dalla borsa è corsa verso le sue complici. La ragazza se ne è subito accorta, ha inseguito la borseggiatrice anche su un treno fino a quando i carabinieri non sono riusciti a bloccarla e ad arrestarla alla fermata Garibaldi. Ma la rom è stata trattenuta davvero per poco tempo, perché i giudici hanno stabilito che fino al prossimo giugno la ladra non potrà andare in carcere perché incinta.

Dai blog