Cerca

L'accoglienza folle

Mirandola, ospitiamo il marocchino e lui ci dà fuoco: Facci, la verità dagli psichiatri

22 Maggio 2019

3
Mirandola, ospitiamo il marocchino e lui ci dà fuoco: Facci, la verità dagli psichiatri

Prima domanda: ci occuperemmo lo stesso di questa vicenda, se non ci fosse in mezzo un immigrato clandestino? Risposta: sì, decisamente, perché stiamo parlando di due anziani morti per asfissia da fumo in una sede di polizia municipale (sarebbero i vigili, un luogo che dovrebbe essere sicuro) più quattro feriti e 20 intossicati in varie condizioni; una notizia notevole anche se ad appiccare l' incendio fosse stato uno di Varese.

Seconda domanda: daremmo lo stesso spazio alla vicenda, se non ci fosse in mezzo un immigrato clandestino? Risposta: no, probabilmente ne daremmo meno, posto che ne daremmo comunque molto; l' immigrazione, clandestina o no, è da anni al centro del dibattito, e ogni sua piega, ergo, ottiene un grande spazio in negativo o in positivo, come quando, per dire, un immigrato salva qualcuno gettandosi in mare o nel fiume.

Detto questo, resta una vicenda pazzesca. In pratica, nella serata del 21, a Mirandola, 30 chilometri a sud di Modena, c' è questo giovane che viene segnalato alla stazione San Felice in stato alterato. Non è chiaro se sia sbronzo o squilibrato, ma viene chiamata un' ambulanza del 118 che lo porta all' ospedale dove viene ricoverato. È in stato di ipotermia anche se la temperatura supera i dieci gradi.

UNA RITORSIONE?
Dopo la mezzanotte, lo squilibrato si riprende, o smaltisce, quindi si leva la flebo ed esce. Comincia a vagare. Passa davanti al comando della polizia municipale e poi sfonda la porta (non doveva essere un luogo molto sorvegliato, benché in pieno centro) e una volta dentro il tizio rubacchia qua e là e infine appicca fuoco in più punti. Sono le 2.40. Se ne va: ha rubato un giubbotto antiproiettile, un pc portatile, un cellulare, un cappello dei vigili e due coppe sportive. Intanto le fiamme vanno che è un piacere (è un vecchio edificio) e il fumo sale verso i piani delle residenze, dove dormono tutti e dove due vecchie signore dormiranno per sempre: una di 86 anni e la sua badante di 74, più il marito di quest' ultima (86 anni) che ieri pomeriggio era in condizioni gravissime. Rimangono intossicati altri diciotto, ci sono anche 6 bambini. Mirandola si sveglia in piena notte mentre vanno e vengono 12 ambulanze, un' auto medica e un elicottero.

Nel casino, i carabinieri fermano un ragazzo che sostiene - paradossalmente - che stava correndo ad aiutare, ma è strano: indossa un cappello da vigile, un giubbotto antiproiettile e ha un computer sotto il braccio. E in tasca, un accendino. Chi è? Non è chiaro, perché è tipicamente senza documenti; una settimana prima, a Roma, aveva detto di essere un maggiorenne algerino, ora dice di essere un minore marocchino. Sicuramente è marocchino, in stato confusionale, e risulta che sia scappato da più case-famiglia a Roma. Aveva dei precedenti e risulta che fosse stato espulso: da qui l' ipotesi che abbia agito per ritorsione, ma delle sue ragioni non ce ne frega niente. Flagranza per furto aggravato, danneggiamento, incendio e morte come conseguenza di un altro delitto.

DISAGI PSICHICO
Quindi andiamo al punto. È stata Medici senza Frontiere, meno di un anno fa, a spiegarci che «il 60,5% dei profughi mostra problemi di salute mentale» e che «l' 87% dei pazienti dei centri di accoglienza ha bisogno di supporto psicologico» (maniera più gentile di dirlo). Capite bene che le ragioni di questo disagio mentale, più o meno giustificabili o comprensibili, non tolgono che la stragrande maggioranza di chi sbarca in Italia non ci sta molto con la testa. Poi sarà anche normale, per via del viaggio devastante: da qui stress post traumatico, ansia, depressione, schizofrenia (il ghanese Adam Kabobo che nel maggio 2013 uccise tre passanti a colpi di piccone) senza contare coloro che erano sciroccati anche prima. Secondo Medici senza Frontiere, nei centri di accoglienza mancano i soldi per curare i disagiati mentali, ma gli stessi centri «spesso contribuiscono a riacutizzare i traumi subiti durante il percorso migratorio».

Malattia iatrogena, la chiamavano un tempo: cioè causata dalle cure e dal luogo in cui te le somministrano.
Detto che peggio non si può: arrivano mezzi pazzi, diventano pazzi e ne escono impazziti. Decidete voi se vadano curati uno ad uno - se li becchi: possibilmente prima di una strage - o se in Italia non debbano semplicemente entrare.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lellac

    23 Maggio 2019 - 10:10

    Pazzesco.......e c'è ancora un branco di idioti che vuole accoglierli tutti..............

    Report

    Rispondi

  • pttfabrizio@gmail.com

    pttfabrizio

    23 Maggio 2019 - 06:06

    il marocchino si è comportato benissimo, secondo i suoi usi e costumi, non capisco tutta l'indignazione e perchè?

    Report

    Rispondi

  • swiller

    23 Maggio 2019 - 00:12

    Altra risorsa della Boldrini anche questo ci ha pagato la pensione.

    Report

    Rispondi

Scontri tra black bloc, gilet gialli e polizia alla marcia per il clima a Parigi, fiamme sugli Champs-Elysées

Matteo Salvini, chiesta archiviazione per la Gregoretti: "Vediamo se il tribunale dei ministri ribalta tutto"
Clima, Greta Thunberg all'Onu: "Noi giovani uniti e inarrestabili" 
Giuseppe Conte

media