Cerca

La "slavina Siri"

Matteo Salvini, la bomba Arata sulla Lega: "In dote influenti contatti". E Morra lo convoca in Antimafia

12 Giugno 2019

3
Matteo Salvini, la bomba Arata sulla Lega: "In dote influenti contatti". E Morra lo convoca in Antimafia

L'arresto di Paolo e Francesco Arata, oltre che Armando Siri, tira in ballo direttamente la Lega. "Dalle attività di indagine si legge nell'ordinanza del Gip di Palermo sulle manette scattate ai due faccendieri padre e figlio indagati per corruzione insieme all'ex sottosegretario leghista - è emerso che Arata ha portato in dote alle iniziative imprenditoriali con Vito Nicastri gli attuali influenti contatti con esponenti del partito della Lega, effettivamente riscontrati e spesso sbandierati da Arata medesimo e di cui informava puntualmente Nicastri". Secondo i pm, Siri avrebbe ricevuto 30mila euro dagli Arata per favorire provvedimenti di legge (mai approvati) a sostegno dell'eolico in Sicilia. A causa dell'indagine, il sottosegretario alle Infrastrutture è stato poi rimosso dal governo causando un duro scontro tra Lega e M5s. E ora il grillino Nicola Morra, presidente della Commissione antimafia, rilancia: "Ho richiesto con lettera ufficiale in data 7 maggio 2019 la convocazione del ministro dell'Interno Matteo Salvini in commissione Antimafia. Lettera ufficiale che è partita solo dopo numerose sollecitazioni informali per fissare una data di audizione già dalla terza settimana d'insediamento della commissione stessa, ovvero a dicembre 2018. Il rispetto istituzionale avrebbe richiesto una veloce risposta alle interlocuzioni informali anche per dare precedenza a chi è preposto, con le sue linee guida, alla lotta alla mafia".




Il 31 maggio dello scorso anno, "in occasione dell'occasionale rinvenimento della telecamera installata di fronte l'ingresso della casa di Nicastri, veniva intercettata una conversazione tra Manlio Nicastri (figlio di Vito, ndr) e Francesco Arata dalla quale emergeva l'assoluta consapevolezza del gruppo di non poter più interloquire liberamente con Vito Nicastri, in ragione delle prescrizioni di cui erano ovviamente a conoscenza, sia, conseguentemente, la necessità di adottare cautele ancora più rigorose posto che avevano appena scoperto di essere oggetto di investigazioni". Anche se a conoscenza delle indagini, dunque, gli Arata avrebbero continuato secondo gli inquirenti "ad essere la longa manus di Nicastri (considerato il prestanome del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro - e a intessere con il detenuto agli arresti domiciliari fitte comunicazioni e continue interlocuzioni, al punto di essere colti in flagranza della violazione delle prescrizioni della misura cautelare".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    12 Giugno 2019 - 19:07

    Peccato non si possa esprimere liberamente cosa si pensa della nostra magistratura di sinistra.

    Report

    Rispondi

  • francesco calabrò

    12 Giugno 2019 - 16:04

    Morra pensa più alla tua Calabria che alle cazzate di questa Magistratura. Perché non convochi il giudice che non ha emesso la sentenza. Per recuperare qualche voto non prestarti ad azioni giudiziarie vecchio stampo. Ricordati i flop dei giudici che oggi ed ieri siedono in Parlamento e.guarda la fine che sta facendo il PD e tutta la sinistra.

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    12 Giugno 2019 - 15:03

    Vabbè ma oltre le chiacchiere ci saranno anche le prove? Non mi pare che basti dare del possibile o contiguo mafioso; ci vorrebbero prove inoppugnabili e non il solo sospetto. E poi come mai 'sti mafiosi che conoscono tutti non stanno nelle patrie galere? Oppure vale il "davighiano pensiero" per cui sono tutti colpevoli e salvo qualcuno libero per errore? Insomma un paese da caccia alle streghe.

    Report

    Rispondi

Evasione a Poggioreale, non accadeva da cento anni. Ecco il lenzuolo utilizzato per scappare

Contro-esodo, ferie finite per 7 italiani su 10. Bollino rosso sulle strade
Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa
Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"

media