Cerca

la capitana arrestata

Sea Watch, Carola Rackete ai domiciliari potrebbe tornare libera già oggi

1 Luglio 2019

12
Sea Watch, Carola Rackete ai domiciliari potrebbe tornare libera già oggi

Potrebbe tornare libera già oggi Carola Rackete, la capitana della Sea Watch arrestata e messa ai domiciliari sotto le cure di una signora di 74 anni. Nel pomeriggio di oggi 1 luglio è previsto l'interrogatorio di convalida. Il procuratore Luigi Patronaggio e i suoi vice - che le contestano i reati di rifiuto di obbedienza a nave da guerra, resistenza o violenza contro nave da guerra e navigazione in zone vietate - hanno chiesto per lei solo il divieto di dimora in provincia di Agrigento. Una mossa che le consentirebbe di tornare libera, riporta il Corriere della Sera.

Leggi anche: Carola schiaccia la motovedetta ma per la Sea Watch la colpa è dei "finanzieri irresponsabili"

Il ministero dell'Interno, quindi Matteo Salvini, potrebbe dare esecuzione al decreto di espulsione dall'Italia già annunciato nei giorni scorsi. Di fronte al giudice, la Rackete, assistita dall'avvocato Alessandro Gamberini, dovrà chiarire i motivi dello sbarco di venerdì notte nel porto di Lampedusa e la manovra azzardata che poteva costare la vita all'equipaggio della motovedetta della Guardia di finanza, che stava proteggendo la banchina dall'attracco non autorizzato. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agakhan

    01 Luglio 2019 - 15:03

    una tempesta in un bicchier d'acqua, ovvero troppo rumore per nulla

    Report

    Rispondi

  • chuckbilly

    01 Luglio 2019 - 15:03

    Ma dove vogliamo andare alla fine se tutti se ne fottono delle leggi, se non c'è una migrazione logica e benefica ma bensì un'invasione sempre più incontrollata di clandestini? Dove vogliamo andare se le persone al posto di lavorare insieme si fanno la guerra, si insultano e si aggrappano a tutto pur di andare l'uno contro l'altro? E' triste vedere che tutti si fanno beffe di noi ma è proprio così

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    01 Luglio 2019 - 13:01

    I Magistrati sono i primi nemici degli italiani. Quando alle prossime elezioni la Lega prenderà la maggioranza assoluta dei seggi: separazione delle carriere, abolizione dell'azione penale obbligatoria che gli consente di fare solo i processi che vogliono loro, responsabilità civile effettiva per gli errori, e riforma del CSM con l'introduzione del sorteggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Evasione a Poggioreale, non accadeva da cento anni. Ecco il lenzuolo utilizzato per scappare

Contro-esodo, ferie finite per 7 italiani su 10. Bollino rosso sulle strade
Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa
Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"

media