Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Papa Francesco, sfregio ai sovranisti: "Vogliono bloccare il meticciato e sterilizzare razza e famiglia"

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

"Si vuole bloccare quel processo così importante che dà vita ai popoli e che è il meticciato. Mescolare ti fa crescere, ti dà nuova vita. Sviluppa incroci, mutazioni e conferisce originalità". Papa Francesco, in una intervista a La Repubblica, insiste sull'importanza dell'immigrazione che porta al meticciato appunto: "Il meticciato è quello che abbiamo sperimentato, ad esempio, in America Latina. Da noi c'è tutto: lo spagnolo e l'indio, il missionario e il conquistatore, la stirpe spagnola e il meticciato". Invece, continua il Pontefice, "costruire muri significa condannarsi a morte. Non possiamo vivere asfissiati da una cultura da sala operatoria, asettica e non microbica". Leggi anche: Papa Francesco raccoglie l'assist di Greta Thunberg: bordate ambientaliste dal cuore del Vaticano Poi l'attacco al sovranismo: "La xenofobia e l'aporofobia (la paura per la povertà, ndr) oggi sono parte di una mentalità populista che non lascia sovranità ai popoli. La xenofobia distrugge l'unità di un popolo, anche quella del popolo di Dio. E il popolo siamo tutti noi: quelli che sono nati in un medesimo Paese, non importa che abbiano radici in un altro luogo o siano di etnie differenti". Oggi, sottolinea Bergoglio, "siamo tentati da una forma di sociologia sterilizzata. Sembra che si consideri un Paese come se fosse una sala operatoria, dove tutto è sterilizzato: la mia razza, la mia famiglia, la mia cultura, come se ci fosse la paura di sporcarla, macchiarla, infettarla".  

Dai blog