Cerca

L'evento

Reggia di Caserta, presentato il calice disegnato da Giugiaro

12 Dicembre 2019

0
Reggia di Caserta, presentato il calice disegnato da Giugiaro

Presentato alla Reggia di Caserta presso la Casa del Giardiniere di Corte il calice “Bufala” disegnato dal celebre designer Giugiaro in esclusiva per l’Antica Distilleria Petrone. A ispirare la forma del calice è stata la testa di una bufala, simbolo della Campania Felix. In occasione di questo appuntamento la Reggia di Caserta ha effettuato due aperture straordinarie, consentendo al pubblico presente di visitare sia le Tombe sannitiche, chiuse da circa 15 anni, sia la Casa del Giardiniere di Corte, generalmente chiusa al pubblico. Delle due aperture straordinarie quella della Casa del Giardiniere, in particolare, aveva un valore simbolico importante in quanto situata all’interno del settecentesco Giardino Inglese da cui provengono le erbe e le essenze impiegate dall’azienda capitanata da Andrea Petrone per realizzare il primo e unico “amaro della Reggia”. La presentazione moderata dalla giornalista Laura Gambacorta ha visto la partecipazione di Tiziana Maffei, direttore della Reggia di Caserta, Andrea Petrone, CEO dell’Antica Distilleria Petrone, e del designer Fabrizio Giugiaro. Al termine è stato organizzato un percorso di degustazione con la partecipazione di diversi Consorzi di tutela di Dop e Igp campane, aziende vinicole del casertano e artigiani del gusto tra cui gli chef Paolo Barrale, Andy Luotto e Mattia Poggi. Ospite d’eccezione l’attrice Violante Placido. La giornata si è conclusa con le visite guidate al Giardino Inglese e alle Tombe sannitiche. 

 

Di Giuliana Covella

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luigi Di Maio, dopo l'addio l'abbraccio con Vito Crimi: "Buona fortuna"

Dimissioni Di Maio, Giuseppe Conte: "Luigi tirato per la giacchetta, rispetterò decisione ma mi dispiacerà"
Matteo Renzi spinge Conte verso la crisi: "Prescrizione, la sua proposta è anticostituzionale"
Matteo Salvini, blitz elettorale a Bologna. Citofona al tunisino: "Lei spaccia?", e il Pd lo insulta

media