Cerca

Parola al direttore

Vittorio Feltri sul disastro ferroviario a Lodi: "Non è tutta colpa degli operai"

9 Febbraio 2020

4
Vittorio Feltri

La notizia è sorprendente anche se ormai nota. Cinque operai delle ferrovie sono indagati per la sciagura avvenuta lungo i binari dell' Alta velocità nei pressi di Lodi. Un incidente in cui sono morti i due macchinisti e vari passeggeri sono rimasti feriti.

Ovvio che la magistratura dovesse intervenire per stabilire le responsabilità che hanno determinato la disgrazia. Ciò che invece ci stupisce è il fatto che la giustizia abbia puntato l' indice accusatore su poveri prestatori d' opera incaricati della manutenzione della strada ferrata.

Probabilmente avranno commesso degli errori, però mi domando come sia possibile che la sicurezza della rete sia affidata a gente che fa parte della manovalanza e non della dirigenza, e come mai nessun tecnico di alto livello abbia controllato il lavoro svolto nottetempo da personale di livello non alto.

Un lavoro che non essendo stato eseguito a regola d' arte ha fornito esiti disastrosi. È incomprensibile che i vertici dell' azienda siano tanto distratti da non verificare le riparazioni indispensabili al buon funzionamento di convogli che viaggiano a 300 chilometri all' ora. Non ce la prendiamo con nessuno, semplicemente poniamo degli interrogativi a cui non siamo in grado di fornire risposte.

Inoltre ci dispiace che alla fine si incolpino dei manovali per il cattivo funzionamento dei binari. E che nessuno dei dirigenti sia stato chiamato a rispondere di quanto successo.

Non vorremmo che ancora una volta fossero gli ultimi a pagare per gli errori dei primi. Ci piacerebbe fosse fatta chiarezza su questo non trascurabile problema.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    12 Febbraio 2020 - 16:13

    Non si distraggono mai però quando devono aumentare il costo dei biglietti, o far viaggiare treni di 4 carrozze tutte costipate di persone in agosto col condizionatore rotto e i vetri bloccati .... oppure sopprimere treni all'ultimo momento, e altro. Rimpiango ancora quando erano Ferrovie dello Stato ...

    Report

    Rispondi

  • mariocalcagni

    11 Febbraio 2020 - 16:44

    Era un Lavoro di bassa Manovalanza , e i Turni di Notte , NECESSARI , sono non Controllati a Dovere ! Gli Operai hanno Sonno e sono "Distratti "...

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    10 Febbraio 2020 - 09:05

    Come al solito volano gli stracci! Feltri ha ragione ed esprime con chiarezza quello che dal primo momento mi frullava nella testa. E' folle che se uno scambio, sul quale volano treni a 300 Km/h, non viene rimesso a posto correttamente non ci sia un sistema automatico di allarme. L'errore umano è sempre in agguato, ma i sistemi di sicurezza devono intercettarlo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"Se ne deve andare". La meloniana in aula con mascherina, insultata  "Vengo da Milano, e..." 

Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano
Coronavirus, Beppe Sala: "Rispettate le regole e niente corse ai supermercati per accaparrarsi cibo"
Coronavirus, Franco Bechis contro Giuseppe Conte & Co: "Cosa diceva il premier, chi sono i veri sciacalli"

media