Cerca

Controcultura

Claudio Lolli, addio al cantautore simbolo del 1968: morto che ha visto "gli zingari felici"

17 Agosto 2018

0
Claudio Lolli, addio al cantautore simbolo del 1968: morto che ha visto "gli zingari felici"

È morto a 68 anni Claudio Lolli, uno degli storici interpreti della canzone d'autore italiana degli anni Settanta. Cantautore, poeta e scrittore simbolo della controcultura e della sinistra extra-parlamentare post 1968, (uno dei suoi versi più famosi è Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia) era malato da tempo. Debuttò nel 1972 con Aspettando Godot, ma l'album che farà passare alla storia della musica italiana è di 4 anni dopo, Ho visto anche degli zingari felici, diventata presto la colonna sonora del '77 bolognese e di quella generazione. Progressivamente, il suo percorso si fa sotterraneo, diventa nome di culto tra gli appassionati e sempre coccolato dalla critica. Il suo ultimo lavoro Il grande freddo, del 2017, vinse la Targa Tenco come "miglior disco dell'anno in assoluto".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media