Cerca

Bavagli

Vittorio Feltri monumentale: "Islam, immigrati, partigiani e comunisti, quello che non si può più dire"

24 Maggio 2019

4
Vittorio Feltri monumentale: "Islam, immigrati, partigiani e comunisti, quello che non si può più dire"

Non si può dire negro al negro. Non si può dire che l' integrazione con gli islamici è impossibile. Non si può dire che i terroristi islamici sono bastardi. Non si può dire che l' accoglienza va limitata o evitata. Non si può dire che gli extracomunitari pisciano nelle aiuole e deturpano le città. Non si può dire che è uno scontro di religione o di civiltà. Non si può dire che lo stato etico è una cosa da medioevo e che il Corano ispira violenza. Non si può dire zingaro né rom né nomade. Non si può dire frocio né finocchio né culattone. Non si può dire che l' aborto è un orrore. Non si può dire che l' utero in affitto è orribile.
Non si può dire che i bambini devono avere una mamma e un papà. Non si può dire che gli infanticidi sono prodotto di crudeltà. Non si può dire che i femminicidi sono omicidi tali quali ai vecchicidi e agli omicidi. Non si può dire che la difesa è sempre legittima.
Non si può dire che il Mezzogiorno è arretrato rispetto al Nord. Non si può dire che la scuola è diventata un ammortizzatore sociale dove non si impara niente. Non si può dire che molti giovani sono disoccupati perché non hanno voglia di lavorare.
Non si può dire bamboccioni. Non si può dire che la famiglia è l' unico baluardo della società. Non si può dire che le parrocchie sono migliori delle moschee. Non si può dire che è meglio credere in Dio che in Allah. Non si può dire che le donne rompono i coglioni. Non si può dire che gli uomini fanno altrettanto. Non si può dire che la natura non è democratica per cui non tutti gli individui sono uguali e che l' uguaglianza è un mito. Non si può dire che la scuola non deve insegnare l' educazione sessuale ma solo a leggere e scrivere. Non si può dire che il comunismo era una schifezza. Non si può dire che il fascismo ha fatto cose buone. Non si può dire che il comunismo e il nazismo pari sono. Non si può dire che gli israeliani hanno più ragioni dei palestinesi. Non si può dire che uno è cieco, semmai è un non vedente. Non si può dire che uno è sordo, al massimo è un audioleso.
Non si può dire spazzino, ma operatore ecologico. Non si può dire che il clima cambia da sempre e che le glaciazioni sono state una costante. Non si può dire che i sindacati fanno male ai lavoratori.
Non si può dire che destra e sinistra fanno entrambe schifo. Non si può dire che il Sud è meno evoluto del Nord.
Non si può dare del terrone a un terrone mentre è lecito dare del polentone a un polentone. Non si può dire che i partigiani hanno infoibato tanti italiani. Non si può dire che a guerra finita i bolscevichi hanno continuato a uccidere. Non si può dire che gli abitanti della penisola hanno votato per anni la Dc per paura dei comunisti. Non si può dire che i terroristi rossi erano più numerosi e pericolosi di quelli neri. 

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • chimangio

    24 Maggio 2019 - 22:10

    Sono rimaste poche le cose che possiamo affermare ma bastano ed avanzano per non soccombere ai negazionisti!

    Report

    Rispondi

  • LePendu

    24 Maggio 2019 - 21:09

    Bene, Vittorio. E allora diciamole forte, 'ste cose.

    Report

    Rispondi

  • massimo.sabbi

    24 Maggio 2019 - 21:09

    Finalmente, come si diceva una volta pane al pane vino al vino "Viva". La presenza di simili persone che hanno la forza ed il coraggio di dire effettivamente le cose come stanno, ci aiuta a continuare a percorrere una strada, purtroppo, sempre più in salita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti

Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"
Che tempo che fa, David Grossmann con Liliana Segre: "So cosa ha passato"
Maltempo, Alto Adige in ginocchio sotto la neve: valanghe come colate di lava, interi villaggi devastati

media