Cerca

L'analisi

Vittorio Feltri: parità di fatto, gli stipendi di lui e lei sono identici

2 Febbraio 2020

0
Vittorio Feltri: parità di fatto, gli stipendi di lui e lei sono identici

La televisione amplifica tutto, notizie e opinioni spesso infondate. Recentemente i rappresentanti della sinistra insistono nel dire che bisogna impegnarsi affinché le retribuzioni degli uomini e delle donne siano equiparate. Con ciò intendendo che oggi siano squilibrate: stipendi più alti ai maschi e più bassi alle femmine. Ma chi lo ha detto che le cose stiano effettivamente così? Semplicemente è falso

Il nostro sistema infatti, a riguardo delle paghe, si regge sui contratti collettivi che non distinguono fra generi. Lui e lei, siano insegnanti, metalmeccanici, postelegrafonici o ferrovieri, incassano la stessa cifra mensile. E mi sono limitato ad alcuni esempi il cui elenco sarebbe infinito. Pertanto come si fa ad affermare stoltamente che si debbano piallare emolumenti già piallati in una misura tale che non penalizzi un sesso a favore dell'altro?

Non mi sorprende che i politici, Delrio per fare un nome, siano talmente sprovveduti da non sapere di che parlano, e ne parlino a vanvera. Però prima di dare aria ai denti potrebbero almeno informarsi. Il citato Delrio, il quale è medico, come fa ad ignorare che il suo stipendio, allorché era attivo, se mai lo è stato, era identico, a parità di mansioni, a quello delle sue colleghe? Il dramma è che gli amministratori da noi stupidamente eletti non sono consapevoli della realtà e si battono per questioni di lana caprina trascurando faccende serie. Ormai le pari opportunità sono applicate a norma di legge e non è il caso di inventarsi ingiustizie inesistenti.

Indubbiamente nei settori privati i salari non sono appiattiti, c'è chi guadagna tanto e chi poco, a prescindere dal sesso. Gli imprenditori versano maggiore quantità di soldi a chi rende parecchio e una quantità inferiore a chi rende meno. Ovvio. I dirigenti di azienda ricevono quattrini in base alla loro utilità, e non tutti sono parimenti utili. Va da sé che sovente le donne manager siano penalizzate perché si sposano e figliano, assentandosi per lunghi periodi dalla ditta, cosicché nel frattempo non sono in grado di partecipare alla competizione onde primeggiare, rimanendo indietro nella corsa verso alte remunerazioni. Questo tuttavia non è un dettaglio eliminabile con un provvedimento governativo. Modificare la natura estendendo la maternità agli uomini al fine di porre ogni individuo sul medesimo piano non è facile. Qualcuno lo dica ai signorini della politica.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Coronavirus, il video di Amadeus per la Rai: "Aiutiamoci l'un con l'altro"

Stefano Nicolao e l’arte dei costumi: l'intervista di Viviana Battaglione
Ballo di Carnevale tra le epoche al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari
Coronavirus, il governatore delle Marche sfida Conte: "Chiudo le scuole", si va in Tribunale

media