Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Periscopio, gli eventi vip della settimana

Esplora:

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Grande successo per il primo “Italy – UAE SME's Business Forum” che è stato  organizzato da EFG CONSULTING, società di advisory sull'internazionalizzazione, insieme al Ministero  dell'Economia degli Emirati Arabi Uniti presso l'Hotel Principe di Savoia di Milano, con l'obiettivo di  rappresentare un momento di incontro e di confronto tra le PMI dei due Paesi. Il Governo degli Emirati Arabi Uniti ha istituito un programma dedicato al supporto ed allo sviluppo. Emozioni e sorrisi hanno trascinato i 350 ospiti della V edizione di “Women for Women against violence – PREMIO Camomilla”, evento unico che unisce due grandi temi del mondo femminile, la violenza di genere e quella del tumore al seno sotto la direzione di Donatella Gimigliano, Presidente dell'Associazione Consorzio Umanitas, per sostenere il progetto "Valigia di Salvataggio" dell'associazione Salvamamme di Maria Grazia Passeri. La kermesse è stata condotta da Arianna Ciampoli e Livio Beshir.  I premiati   sono stati Francesco Samengo (Presidente Unicef); l'attivista mondiale Leyla Hussein, Amministratore delegato di Hawa's Haven e Ambasciatrice globale di The Girl Generation, impegnata in 10 paesi africani contro le mutilazioni genitali femminili; Benedetta Rinaldi (membro della consulta nazionale femminile LILT); il regista Valter D'Errico per il corto “Il Giorno più Bello”, sul palco affiancato dai due interpreti Caterina Milicchio e Gianclaudio Carretta. Premiati anche la bellissima Valeria Marini, testimonial di campagne contro la Violenza sulle Donne, e Manuel Finotti, autore della canzone “Ti ho creduto” di Giordana Angi, finalista ad Amici, interpretata con un passo di danza di Romina Carancini, Francesco Spizzirri e la piccola Chiara Pietrangeli. Con il contributo di interpreti straordinari sono state raccontate le storie Barbara Bartolotti (introdotta da una favolosa Maria Rosaria Omaggio e premiata da Valeria Marini che si è commossa sul palco nel consegnarle la targa), vittima di una brutale aggressione durante la quale ha perso il figlio che portava in grembo; di Elena Sorrentino (premiata da Paola Ferrari), autrice del libro “Io, il Cancro e la Maggica” introdotto da Anna Vinci; di Valeria Grasso, la cui storia è stata interpretata da Euridice Axen. E ancora tanti dischi nuovi, feste e vernissage. Il Margutta & Daniele Cipriani Arte - Vernissage"glam & pop" Si è aperta, con la mostra di Enrico Manera "Veloci-Raptor", la nuova stagione espositiva del primo vegetariano capitolino Vernissage "glam & pop" per Enrico Manera, figlio ed erede della Scuola di Piazza del Popolo   Presenti al vernissage la cantante Alma Manera, le attrici Roberta Garzia e Manuela Morabito, l'attore Pietro Genuardi, il conduttore tv Alessandro Cecchi Paone, l'attrice Maria Rosaria Omaggio e la regista Maria Pia Liotta. Tanti anche gli esponenti del mondo della danza e dell'arte LA MOSTRA - Grande successo per il vernissage della mostra "Veloci-Raptor = ladro veloce" con le opere di Enrico Manera, figlio ed erede della cosiddetta Scuola di Piazza del Popolo. L'esposizione, che ha aperto la nuova stagione espositiva de "Il Margutta Veggy Food & Art", in via Margutta 118, Roma, è voluta e curata dalla Daniele Cipriani Arte, sostenuta e ideata da Tina Vannini e con testo di presentazione firmato dal critico e curatore Maurizio Sciaccaluga (1963 - 2007). In esposizione diciotto opere, tutte a colori, in diversi formati, nonché il ritratto di Manera fatto da Mario Schifano nel 1978 e il docuarte "Avanguardie Discrete" di Enrico Manera, che sarà proiettato sugli schermi del ristorante. La mostra sarà visitabile sino a domenica 8 dicembre. Ingresso libero, tutti i giorni dalle 10 alle 24. In occasione della mostra, nelle prossime settimane, saranno organizzati alcuni appuntamenti con importanti critici d'arte, come Duccio Trombadori e Gian Ruggero Manzoni. IL VERNISSAGE - Madrina della serata di apertura è stata la cantante Alma Manera, nipote dell'artista. Presenti le attrici Roberta Garzia e Manuela Morabito, mentre dal cast de Il Paradiso delle Signore l'attore Pietro Genuardi, accompagnato dalla compagna Linda, e il produttore Giannandrea Pecorelli. Brindisi e foto anche per il conduttore tv Alessandro Cecchi Paone, l'attrice Maria Rosaria Omaggio, la cantante Rossella Seno e la regista Maria Pia Liotta. Tanti anche gli esponenti dell'arte e della "bellezza" presenti per il vernissage, tra cui il critico d'arte Duccio Trombadori, la scrittrice Leonetta Bentivoglio, la curatrice Francesca Barbi Marinetti, lo stilista Roberto Capucci, accompagnato da Maria Carla Guarnieri. Dal mondo della danza, invece, l'étoile dell'Opera di Vienna Davide Dato e il Maestro della Scuola del Teatro dell'Opera Gerardo Porcelluzzi. LE OPERE IN MOSTRA - Enrico Manera, nelle sue opere, prende di mira le mayor del cinema mondiale e i principali simboli della cultura italiana e, in generale, occidentale. Poi li unisce e li riempie di altre immagini, di graffiti o graffi, di pensieri scritti di getto, ma mai senza un senso preciso. Intonando di nuovi significati che si fondono assieme, contaminando quello del soggetto principale dell'opera. Racconta, nel suo stile dissacrante e un po' cruento, l'ingordigia di Wall Street, i capolavori di Michelangelo e di Caravaggio, peculiarità e storie di regioni e Paesi. Senza risparmiare niente e nessuno, né i giganti dell'Arte né lo star-system di oggi, citando il Vecchio per raccontare il Nuovo, mostrando l'Altro per raccontare il Sè. Enrico attacca convenzioni e ideologie, per mostrare ciò che vi nasconde. "Velocità e dinamismo, due situazioni futuriste inconfutabili: è da qui che nasce il binomio Velociraptor-velocità - spiega Enrico Manera - La parola "velociraptor", dal latino ladro veloce, viene qui frazionata in due parole, Veloci-Raptor. In quel trattino, insomma, si trova il senso di questa mostra". "E' un onore per noi organizzare e ospitare - spiegano Tina Vannini e Daniele Cipriani - una mostra interamente dedicata a Enrico Manera. Leggendo il suo libro “ Cafè des Artistes” ci siamo resi conto che questo appuntamento in via Margutta è simbolico e denso di significato. E' come riportarlo a casa, quasi alle origini, nei luoghi dove si è svolta la sua vita e la sua crescita artistica. Per decenni, infatti, i bar, i ristoranti e le gallerie di Piazza del Popolo, via Margutta, piazza di Spagna e via del Babuino sono state teatro di una corrente creativa e unica, di un movimento di artisti rivoluzionari e irriverenti, di cui Enrico Manera era il più giovane esponente. Oggi le sue opere e i suoi racconti sono testimonianze dirette di una delle avanguardie italiane più importanti". L'ARTISTA Asmara 1948. Si è occupato di teatro e cinema sia come attore che come sceneggiatore, ha lavorato inoltre nei quattro film di suo fratello, il regista Gianni Manera, poi le Arti Visive che diventeranno il fulcro della sua vita. Entra in contatto giovanissimo con i protagonisti della cosidetta “ Scuola Romana di Piazza del Popolo” Angeli, Festa, Mambor, Schifano. Conosce e stringe amicizia anche con altri grandi tra i quali Vettor, Pisani, Fabio Mauri e Alighiero Boetti. Inoltre conosce il gotha del teatro e del cinema tra i quali Gian Maria Volonté, Alessandro Haber, Giuliano Montaldo, Carmelo Bene, Citto Maselli, Bernardo Bertolucci, Carlo Lizzani, Sergio Castellitto, Pasquale Squitieri ed altri. Ha partecipato alla Biennale di Venezia e alla Quadriennale Nazionale di Roma. LA SCUOLA DI PIAZZA DEL POPOLO - L'esperienza artistica della Scuola di Piazza del Popolo nasce negli anni Sessanta con gli artisti Mario Schifano, Giosetta Fioroni, Tano Festa e Franco Angeli, che erano soliti riunirsi al Caffè Rosati di piazza del Popolo o presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis. Ad essi si unirono successivamente anche Pino Pascali, Francesco Lo Savio, Sergio Lombardo, Renato Mambor, Jannis Kounellis, Cesare Tacchi e Umberto Bignardi. Il più giovane del gruppo fu proprio Enrico Manera, che aveva aderito a tale avanguardia verso la metà degli anni Settanta.   La Réserve Paris Hotel & Spa è per il terzo anno consecutivo "Best Hotel in Paris"   La Réserve Paris ha vinto il riconoscimento “Best Hotel in Paris”, classificandosi inoltre al sesto posto nella sezione “Best Hotel in Europe” e quindicesimo nella sezione “Best Hotel in the world”.     Il ranking è stato stilato nell'ambito del Condé Nast Traveler's Readers' Choice Awards, che conferisce alcuni dei più antichi e prestigiosi premi d'eccellenza nel campo del turismo. Nello stesso ranking, La Réserve Genève si è collocata all'ottava posizione tra i “Best Hotels in Central Europe”, e La Réserve Ramatuelle al ventitreesimo posto nella sezione “Best Resorts in Europe”.    Situato nell'ottavo arrondissement, La Réserve Paris ha 40 eleganti camere e suite, con terrazze che affacciano su meravigliose vedute della città. Il design è dell'iconico Jacques Garcia. La spa ha una piscina indoor aperta h24, mentre i due ristoranti, Le Gabriel e La Pagode de Cos, sono curati dallo chef Jérôme Banctel, insignito di due stelle Michelin.    Michel Reybier Hospitality offre luoghi unici, rari, dove ciascuno può sentirsi a casa in un'atmosfera esclusiva. Michel Reybier è determinato a offrire sempre il meglio ai suoi ospiti. Il suo nome è diventato una label, una firma, legata allo spirito del club che esiste solo attraverso l'appagamento vissuto dai suoi ospiti e clienti.   Segnaliamo l'apertura de La Maison d'Estournel ad agosto 2019 e de La Réserve Eden au Lac Zurich a dicembre 2019.   La Vie En Blanc a Roma Sposa 2019 Lunghi o corti. In pizzo o di seta. Ricamati o decorati. Aderenti o morbidi. La Vie En Blanc Atelier ha proposto alle spose un accessorio di grande charme come i guanti, storicamente elemento di eleganza formale, che ha rivestito vari ruoli simbolici nel corso della storia fino ad essere strumento di raffinata seduzione femminile che la Maison Capitolina ha proposto in tante diversissime forme, restituendo a questo accessorio un ruolo di accattivante emblema dell'eleganza più raffinata.   La collezione 2020/2021 ideata da Giorgia Albanese, titolare dell'Atelier di Viale delle Milizie, in collaborazione con la fashion designer Daniela di Francesco, madre della titolare, si presta mirabilmente a raffinati abbinamenti con guanti di ogni foggia, con le sue costruzioni sartoriali sempre più definite e gli elementi strutturali che delineano, in ogni collezione, il tratto icastico della Maison che spicca per l'eleganza del design e la preziosità dei tessuti.   “È stata una grande emozione raccogliere tanti applausi da una platea così vasta di spose, wedding planner e giornalisti, rapiti dall'eleganza della nostra nuova collezione e dalla proposta di questo accessorio così seducente e raffinato come il guanto” – afferma Giorgia Albanese –  “Abbiamo proposto il ricercato design dei nostri sognanti abiti utilizzando tessuti molto preziosi come duchesse, mikado e chiffon in seta, realizzando per la prossima stagione superbe creazioni frutto della creatività del nostro ufficio stile e della laboriosa opera artigianale dalle nostre sarte. Tutte le creazioni della collezione sono state declinate, in questa straordinaria sfilata, sulla prestigiosa passerella di Roma Sposa, in abbinamento con pregiati ed elaborati guanti, accessori straordinari ed accattivanti, raffinati e tradizionali che tornano così di grande attualità, in un ritrovato ruolo da protagonista”. La Sposa de la Vie En Blanc Atelier Roma è una donna capace di giocare con un'immagine sobria ed elegante ma, allo stesso tempo, decisamente ricercata e personale, arricchita da un elemento vezzoso e seducente che interpreta in chiave moderna anni di eleganza e femminilità.   Al termine della sfilata, in un tripudio di dirette social e scatti fotografici, Giorgia ha voluto ringraziare con un brindisi gli importanti giornalisti intervenuti, le numerose wedding planner, tra le quali Monica Palmieri, Veronica Tasciotti Amati, Barbara Vissani, Erika Morgera ed i tantissimi professionisti del settore che hanno voluto tributare alla Maison il meritato successo.   Sandra Pietrosanto ed Ottorino Duratorre, Presidente di Roma Sposa, hanno quindi salutato i prestigiosi ospiti de La Vie En Blanc Atelier, accogliendoli negli eleganti spazi dedicati alle degustazioni della Fiera e stappando per loro una magnum di delizioso spumante italiano prodotto dalle Cantine Silvestri, servito agli ospiti in abbinamento con golosi stuzzichini, ai quali ha fatto seguito una degustazione di vini bianchi e rossi dell'Azienda Vinicola Casale del Giglio.   Un successo che apre nuovi prestigiosi traguardi per questa importante Realtà che, di anno in anno, afferma e consolida con merito la propria posizione di leader nell'eleganza sartoriale per le spose della Capitale. NICCOLÒ FABI:oggi esce "TRADIZIONE E TRADIMENTO" Esce in tutti i negozi di dischi, in digital download e su tutte le piattaforme streaming “TRADIZIONE E TRADIMENTO”, il nuovo album di NICCOLÒ FABI disponibile in versione CD, vinile e digitale.   A 3 anni e mezzo di distanza da “Una somma di piccole cose”, album che ha segnato un punto fondamentale per la ventennale carriera del cantautore, Niccolò Fabi torna con un nuovo album che parla di scelte e che rappresenta esso stesso una scelta: quella di scrivere solo quando si è mossi da una reale ispirazione e necessità.   Anticipato dai brani “Io sono l'altro” e “Scotta”, il disco “Tradizione e tradimento” è un viaggio poetico e sonoro composto da 9 canzoni che si muovono sempre sul filo che unisce l'analogico al digitale, il calore acustico e l'elettronica tagliente.   «È un disco sulla ricerca di un equilibrio all'interno di un cambiamento tra la memoria e la prospettiva - racconta Niccolò Fabi - La scelta difficile tra cosa conservare e cosa lasciare andare, come evolversi e trasformarsi rispettando la propria identità. Come trarre forza da ciò che ci è stato consegnato come tradizione e allo stesso tempo avere il coraggio di tradire quel percorso”.   Scritto e registrato tra Roma e Ibiza, “Tradizione e Tradimento” è il risultato di un lavoro corale che vede alla produzione artistica Niccolò Fabi insieme a Roberto Angelini e Pier Cortese, storici amici e compagni di viaggio e di palco.  Determinante sui 3 brani, Amori con le ali”, “Nel blu” e “A prescindere da me”, la collaborazione, dal suo studio di Ibiza, con Costanza Francavilla, musicista e produttrice romana. Yakamoto Kotsuga, produttore e compositore di colonne sonore, ha invece caratterizzato l'arrangiamento di “Io sono l'altro”.  Completano la squadra che ha collaborato al disco Riccardo Parravicini che lo ha registrato e mixato, e i musicisti Daniele "mr Coffee" Rossi, Fabio Rondanini e Max Dedo.    La copertina di "Tradizione e Tradimento" è una foto scattata da Niccolò Fabi in Mozambico. Il packaging di CD e vinile è stato realizzato con carta riciclata.   Questa la tracklist di “Tradizione e tradimento”: “Scotta”, “A prescindere da me”, “Amori con le ali”, “Io sono l'altro”, “I giorni dello smarrimento”, “Nel blu”, “Prima della tempesta”, “Migrazioni” e “Tradizione e tradimento”.    Sono già disponibili online sui canali ufficiali dell'artista i video dei brani “Io sono l'altro” (https://youtu.be/cLRe-RmVfic) e “Scotta” (https://youtu.be/rIZ22vGi_Cw).   Il nuovo album verrà raccontato da Niccolò Fabi a partire da domani, venerdì 11 ottobre, nelle principali città italiane. Di seguito gli appuntamenti: 11 ottobre a La Feltrinelli di MILANO (Piazza Piemonte, 2 - ore 18.30), 12 ottobre a La Feltrinelli di TORINO (Piazza C.L.N., 251 - ore 18.30), 13 ottobre a La Feltrinelli di Padova (Via San Francesco, 7 - ore 18.30), 14 ottobre a La Feltrinelli di BOLOGNA (Piazza Ravegnana, 1 - ore 18.00), 15 ottobre a La Feltrinelli di ROMA (Via Appia Nuova 427 - ore 18.00), 16 ottobre a La Feltrinelli di FIRENZE (Piazza della Repubblica, 26 - ore 18.00), 17 ottobre a La Feltrinelli di NAPOLI (Piazza dei Martiri - ore 18.00), 18 ottobre a La Feltrinelli di BARI (Via Melo, 119 - ore 18.30), 19 ottobre a La Feltrinelli di PALERMO (Via Cavour, 133 - ore 17.00) e il 21 ottobre al Mondadori Bookstore di CAGLIARI (Via Roma, 65 - ore 18.00).   Da dicembre, inoltre, Niccolò Fabi farà il suo ritorno live nei teatri italiani. Il concerto vedrà sul palco Niccolò Fabi con Roberto Angelini, Pier Cortese, Alberto Bianco, Daniele "mr coffee" Rossi e Filippo Cornaglia.    Queste le date del tour, prodotto e organizzato da Magellano Concerti e Ovest:   27 novembre - Cascina (PI) - La città del teatro (data zero) 1 dicembre - Ravenna - Teatro Dante Alighieri (Biglietti Esauriti) 2 dicembre - Milano - Teatro Degli Arcimboldi (Biglietti Esauriti) 8 dicembre - Pescara - Teatro Massimo 10 dicembre - Cosenza - Teatro Rendano 12 dicembre - Catania - Teatro Metropolitan 13 dicembre - Palermo - Teatro Golden 19 dicembre - Trento - Auditorium Santa Chiara  20 dicembre - Vicenza - Teatro Comunale (Biglietti Esauriti) 21 dicembre - Vicenza - Teatro Comunale (Biglietti Esauriti) 7 gennaio - Udine - Teatro Nuovo Giovanni da Udine 8 gennaio - Trento - Auditorium Santa Chiara 10 gennaio - Bologna - Teatro EuropAuditorium 11 gennaio - Firenze - Teatro Verdi 12 gennaio - Torino - Teatro Colosseo 13 gennaio - Genova - Teatro Politeama Genovese 19 gennaio - Roma - Auditorium Parco della Musica 20 gennaio - Roma - Auditorium Parco della Musica 21 gennaio - Napoli - Teatro Augusteo 22 gennaio - Bari - Teatro Team 24 gennaio - Ancona - Teatro Le Muse 25 gennaio - Assisi - Teatro Lyrick 29 gennaio - Bergamo - Teatro Creberg 30 gennaio - Parma - Teatro Regio    I biglietti per le date di Ravenna, Milano ed entrambi gli show previsti a Vicenza, sono esauriti. I biglietti per tutte le altre date del tour sono disponibili in prevendita sul sito di Ticketone e nei punti vendita e prevendita abituali (http://bit.ly/NiccoloFabiTour).  Radio partner del tour è Radio Capital.   Più di 90 canzoni, 9 dischi di inediti, 2 raccolte ufficiali, 1 progetto sperimentale come produttore, 1 disco di inediti con la super band FabiSilvestriGazzè, 2 Targhe Tenco per “Miglior Disco in Assoluto” (vinte per i suoi ultimi due album) e dopo 20 anni di musica Niccolò Fabi è oggi considerato uno dei più importanti cantautori italiani. Tanta musica nel percorso del cantautore, tanta sperimentazione e un avvicinamento sempre più evidente alla musica d'oltreoceano. È un percorso artistico incentrato sulla ricerca della libertà espressiva quello che in questi anni ha inseguito il cantautore romano e ne sono dimostrazioni gli ultimi due album pubblicati, "Una somma di piccole cose" (2016) e "Tradizione e tradimento" (2019).   il super charity women for women Emozioni e sorrisi hanno trascinato i 350 ospiti della V edizione di “Women for Women against violence – PREMIO Camomilla”, evento unico che unisce due grandi temi del mondo femminile, la violenza di genere e quella del tumore al seno sotto la direzione di Donatella Gimigliano, Presidente dell'Associazione Consorzio Umanitas, per sostenere il progetto "Valigia di Salvataggio" dell'associazione Salvamamme di Maria Grazia Passeri. La kermesse è stata condotta da Arianna Ciampoli e Livio Beshir. I premiati  sono stati Francesco Samengo (Presidente Unicef); l'attivista mondiale Leyla Hussein, Amministratore delegato di Hawa's Haven e Ambasciatrice globale di The Girl Generation, impegnata in 10 paesi africani contro le mutilazioni genitali femminili; Benedetta Rinaldi (membro della consulta nazionale femminile LILT); il regista Valter D'Errico per il corto “Il Giorno più Bello”, sul palco affiancato dai due interpreti Caterina Milicchio e Gianclaudio Carretta. Premiati anche la bellissima Valeria Marini, testimonial di campagne contro la Violenza sulle Donne, e Manuel Finotti, autore della canzone “Ti ho creduto” di Giordana Angi, finalista ad Amici, interpretata con un passo di danza di Romina Carancini, Francesco Spizzirri e la piccola Chiara Pietrangeli. Con il contributo di interpreti straordinari sono state raccontate le storie Barbara Bartolotti (introdotta da una favolosa Maria Rosaria Omaggio e premiata da Valeria Marini che si è commossa sul palco nel consegnarle la targa), vittima di una brutale aggressione durante la quale ha perso il figlio che portava in grembo; di Elena Sorrentino (premiata da Paola Ferrari), autrice del libro “Io, il Cancro e la Maggica” introdotto da Anna Vinci; di Valeria Grasso, la cui storia è stata interpretata da Euridice Axen. Testimone di giustizia, ma “donna dello Stato” come ama definirsi, la Grasso con la sua coraggiosa denuncia contro il pizzo ha fatto arrestare 25 persone del clan Madonia e ora si occupa di Beni Confiscati alla Mafia: a premiarla ill Gen. B. Marco Minicucci, Comandante Legione Carabinieri Lazio. Grandi emozioni ha regalato il giovane Carmine Ammirati (premiato da Enrica Bonaccorti), orfano del Femminicidio, che ha dedicato alla mamma scomparsa, per voce di Vincenzo Bocciarelli, una toccante poesia e, affiancato da Antonio Balsamo e Alina Camisano, un passo di danza con le coreografie di Andrè de la Roche. Assieme a Carmine il riconoscimento, consegnato da Barbara Bouchet, è andato alla Presidente dell'Associazione Edela, Roberta Beolchi, impegnata ad assistere gli orfani del femminicidio. Non sono mancati momenti di intrattenimento con uno straordinario Antonio Mezzancella (vincitore di Tale e Quale Show 2018), e un esilarante Antonio Giuliani. Al termine dell'evento per tutti gli ospiti un dinner buffet. Nel ricco parterre, il produttore Nicola Vizzini, Patrizia Mirigliani, Beatrice Luzi, Fabrizio Apolloni, Giovanna Rei, Marco Brandizzi (Paradiso delle Signore), le sorelle Cristina e Maria Teresa Buccino.       THE SCRIPT: nuovo album “SUNSETS & FULL MOONS”   THE SCRIPT, il trio irlandese che ha totalizzato 6 miliardi di stream, 30 milioni di singoli venduti, 10,8 milioni di album e 1,8 milioni di biglietti venduti, è pronto a intraprendere un nuovo capitolo della propria carriera, con la pubblicazione dell'album “Sunsets & Full Moons”, in uscita il prossimo 8 novembre e già disponibile in pre-order (https://SMI.lnk.to/thescript_)   “Sunsets & Full Moons” è il perfetto esempio di quella scrittura in grado di parlare a tutti, senza distinzioni, tipica The Script, che li ha resi una band con una delle più solide fan-base in tutto il mondo. Primo singolo estratto da questo nuovo disco è l'emozionante “The Last Time”.   Sotto molti aspetti, “Sunsets & Full Moons” sembra il seguito dell'omonimo album di debutto del trio, formato da Danny O'Donoghue (voce, piano e chitarra), Mark Sheehan (cori, chitarra) e Glen Power (batteria). Entrambi i dischi sono nati dopo momenti particolarmente difficili della vita di O'Donoghue. I brani sono il naturale riflesso delle personali esperienze ed emozioni dei membri della band, temi in cui i loro stessi fan si riconoscono.   “Penso che questo sia il disco più intenso che abbiamo mai realizzato,” afferma O'Donoghue, “la nostra musica è sempre stata un punto d'incontro con il nostro pubblico, uno scrivere sui nostri sentimenti, e poi condividerli”.   The Script si sono approcciati all'album rinvigoriti dal trionfale tour dopo la pubblicazione del fortunatissimo album “Freedom child”. Rispolverando i loro primi periodi, la band ha ritrovato la forza dietro le cose più semplici: un sound accattivante, melodie che rimangono in testa e l'emozione dei sentimenti più sinceri.   Hanno anche deciso di produrre loro stessi l'album, presso i Metropolis Studios, con l'aiuto per il missaggio di Mark ‘Spike' Stent (Coldplay, Beyoncé, Frank Ocean), oltre a Manny Marroquin (Post Malone, Lizzo, Dua Lipa) e Dan Frampton (AuRa, Maejor, Jack Savoretti).   “Nessun orpello, nessuna produzione elaborata, siamo solo noi che suoniamo come una band” dichiara Sheehan “Siamo semplicemente noi che facciamo quello che sappiamo fare meglio”.   Per O'Donoghue, il tema prevalente dell'album è molto semplice: “Non importa quanto tutto diventi triste e cupo, il sole sorgerà comunque di nuovo”. Con questo spirito di speranza e positività, nonostante i momenti più duri, il senso di conforto e sollievo che riescono a trasmettere The Script è più vivo che mai.   Questa la tracklist di “Sunsets & Full Moons”: “Something Unreal”, “The Last Time”, “Run Through Walls”, “If You Don't Love Yourself”, “Hurt People Hurt People”, “Same Time”, “Underdog”, “The Hurt Game”, “Hot Summer Nights”.   “Sunsets & Full Moons” è disponibile in pre-order in formato CD, in vinile e in digitale (https://SMI.lnk.to/thescript_) Da febbraio la band sarà in tour in Europa per presentare live “Sunsets & Full Moons”. Queste tutte le date annunciate:   FEBBRAIO 20 - UK, Liverpool, M&S Bank Arena 21 - UK, Leeds, First Direct Arena 22 - UK, Manchester, Arena 24 - UK, Bournemouth, International Centre 25 - UK, Brighton, Centre 26 - UK, Sheffield, FlyDSA Arena 28 - UK, Birmingham Resorts World Arena 29 - UK, London, The O2   MARZO 3 - UK, Belfast, SSE Arena 6 - Ireland, Dublin, 3Arena 7 - Ireland, Dublin, 3Arena 9 - UK, Nottingham, Motorpoint Arena 10 - UK, Cardiff, Motorpoint Arena 12 - UK, Glasgow, The SSE Hydro 13 - UK, Aberdeen, P&J Live Arena 14 - UK, Newcastle, Utilita Arena 16 - Germany, Cologne, Palladium 17 - Denmark, Copenhagen, TAP1 19 - Belgium, Brussels, Forest National 20 - Netherlands, Amsterdam, Ziggo Dome 21 - Netherland, Amsterdam, Ziggo Dome     A MILANO IL PRIMO BUSINESS FORUM TRA LE PMI DI ITALIA ED EMIRATI A MILANO IL PRIMO BUSINESS FORUM TRA LE PMI DI ITALIA ED EMIRATI  Grande successo per il primo “Italy – UAE SME's Business Forum” che è stato organizzato da EFG CONSULTING, società di advisory sull'internazionalizzazione, insieme al Ministero dell'Economia degli Emirati Arabi Uniti presso l'Hotel Principe di Savoia di Milano, con l'obiettivo di rappresentare un momento di incontro e di confronto tra le PMI dei due Paesi. Il Governo degli Emirati Arabi Uniti ha istituito un programma dedicato al supporto ed allo sviluppo economico e manageriale delle PMI, riconosciute quali innegabile spina dorsale dell'economia del Paese, soprattutto per il perseguimento degli obiettivi di sviluppo del settore non petrolifero e di diversificazione delle attività economiche. Oltre a ciò, la ricerca e la continua attenzione degli Emirati Arabi Uniti verso i prodotti e servizi Made in Italy in ogni settore economico, come testimoniato dall'incessante crescita delle importazioni dall'Italia, rappresentano un'opportunità irrinunciabile e rendono il Forum un'occasione unica per le PMI italiane interessate ad internazionalizzare le proprie attività negli Emirati Arabi Uniti. Presenti i vertici del “National Program for Small and Medium Enterprises and Projects” del Ministero dell'Economia degli Emirati Arabi Uniti, a capo di una delegazione di trenta imprenditori locali, desiderosi di trovare aziende partner italiane. Il Forum, che ha visto la presenza di oltre 200 imprenditori e manager di PMI italiane,è stato seguito da un'ampia sessione di oltre cento incontri BtoB, dove gli imprenditori italiani hanno potuto interloquire direttamente con la delegazione emiratina e valutare concrete opportunità di business. Il Forum si è svolto all'insegna della concretezza e non solo ha visto la firma di un accordo per l'esportazione di prodotti alimentari italiani negli Emirati, ma ha visto anche la partecipazione di Intesa San Paolo, che garantisce alle PMI italiane un prezioso supporto grazie all'apertura di due sedi in Abu Dhabi e Dubai ed alla possibilità, unico istituto bancario italiano, di operare in valuta locale. Tra le numerose aziende presenti: Versace Home, Genny, Isaia, Bulgari, Buccellati, Moreschi, Peck, Ristorante Savini, Lidia Cardinale, Aran, Feinrohren, Ambienthesis, Tecnomec, Gewiss, Ave, Immobiliare Percassi, Moretti Costruzioni, HRC, Ernst & Young, PWC, Banca Mediolanum, Università Cattolica del Sacro Cuore, Fondazione Policlinico, IEO. “I nostri due Paesi – dichiara il Prof. Giovanni Bozzetti, Presidente di EFG CONSULTING, sono molto simili poiché la vita sociale e la vita economica si basano sugli stessi pilastri: la famiglia e le PMI. Le PMI rappresentano l'asse portante delle nostre strutture economiche e vanno supportate nei processi di internazionalizzazione per innestare un volano di sviluppo economico.” “Gli Emirati Arabi Uniti – continua il Prof. Bozzetti – sono una destinazione ideale per le PMI italiane, grazie ad un business climate estremamente positivo e favorevole agli investitori stranieri e questo Forum ha rappresentato un concreto ponte di unione per le PMI dei due Paesi”. Negli Emirati le PMI rappresentano il 94% delle aziende e contano l'86% degli addetti del settore privato, mentre in Italia il 99,9% delle aziende sono PMI per un totale di 4.334.000 e con un export di 464 miliardi di Euro.Nella foto Giovanni e Ludmilla Bozzetti con Daniela De Souza Chicche di feste Non ti curar di loro, ma guarda e canta... Proprio mentre il mondo della lirica è scosso dagli acuti contro Placido Domingo per presunte molestie sessuali a colleghe e coriste Laura Troisi, organizzatrice di eventi culural/canterini, era la padrona di casa al galà allo storico Teatro Malibran di Venezia. A consegnare gli Oscar della Lirica un padrino d'eccezione Andrea Bocelli che, tra un gorgheggio e un duetto canoro con la soprano vincitrice  Tea Purtseladze,  ha difeso il collega Placido. Con una premessa: In generale le mani vanno sempre tenute al loro posto. Bocelli non si è trattenuto a cena, un aereo privato lo aspettava in pista pronto per il decollo.  Servillo ( Tony) I love you…. e Golino ( Valeria) fa la “cornuta" Doppio esordio per la  power women   del cinema italiano, ospite d'onore all'Istituto francese Grenoble per l'anteprima nazionale “Dernier Amour”,  una zoomata sulle vicende sentimentali di un vulnerabile e fragile Casanova. Forbes l'ha indicata tra le 100 donne più influenti del 2019 e lei non se la tira. Ha recitato in 80 film, in tre lingue, italiano, inglese e francese.  Brad Pitt   ne ha girati solo una cinquantina ( lo leggo in un'intervista all'attore). In Dernier amour, il regista francese  Benoit Jacquot , le ha cucito addosso il personaggio del soprano Teresa Cornelys, unica moglie del libertino veneziano. “Sono la più cornuta della storia”, ironizza l'anti/diva.    Una bollicina nel bicchiere e il chiacchiericcio continua con Tony Servillo. Si parla del suo ruolo u n guappo-filosofo,  di  “5 è il numero perfetto”, un noir in chiave fumettistica, opera prima di  Igort.  Il tentativo di imbruttire Servillo, calvo e con naso posticcio, non gli riesce, il carico di fascino e bravura non si tocca.  Hai mai pensato di passare alla regia? Risponde da copione: “No, Mi piace troppo recitare… No, mio figlio non vuole fare l'attore… Sì, vivo a Caserta…”.    Gomito a gomito con Tony Servillo, Januaria Piromallo, collezionista di boutade, vuole fare colpo su di lui. Già, ma come?    E' da mission impossible. Alla fine la sincerità. E tutto d'un fiato: “Vorrei formularti qualcosa di intelligente. Ma non mi viene niente. Quando sono emozionata il mio cervello va in tilt. E allora ti dico solo: I Love you…” Adele Ceraudo in "Io non sono pazza" Dopo Barcellona, dove in anteprima è stato proiettato il cortometraggio “IO NON SONO PAZZA” presso "La Casa degli Italiani ",interpretato da Adele Ceraudo e realizzato dalla stessa Artista insieme al regista  RAI tra i più conosciuti e richiesti in Italia ,Duccio Forzano, verrà presentato alla 18 esima edizione del  RIFF - Rome Independent Film Festival- fuori concorso, come evento eccezionale,  che insieme al cortometraggio  vedrà inserite delle opere dell'Artista Adele Ceraudo. Il progetto è nato durante la sesta edizione di "L'Arte non Mente" per dar voce, corpo e immagini ad un luogo e alle presenze ancora persistenti, delle “donne scomode” rinchiuse loro malgrado nell'ex 'Ospedale Psichiatrico Provinciale di Udine, con l'obbiettivo di portare ovunque il messaggio legato agli abusi subiti dalle persone che  sono state "Ospiti" di queste strutture . Un progetto artistico e assieme sociale, che vuol puntare i riflettori su una realtà esistita, di ingiustizie e crudeltà indicibili, che rendevano il disagio mentale la base con cui giustificare vere e proprie torture e sevizie, fisiche e psichiche. Immagini dure che raccontano poeticamente, dettagli forti e delicatissimi, correlati da da una musica perfettamente calzante composta dallo stesso Duccio Forzano e dalla lettura a varie voci, delle lettere scritte e mai spedite che le “alienate” scrivevano ai familiari…raccolte dalla scrittrice Tiziana Novello La presenza al RIFF di "IO NON SONO PAZZA" è solo la prima tappa di un percorso che porterà il cortometraggio nato dalla sinergia dei due Artisti  in percosi nazionali e internazionali. GIANNA NANNINI: "LA DIFFERENZA", il nuovo singolo Da oggi, venerdì 11 ottobre, è in radio e su tutte le piattaforme digitali “La differenza”, il nuovo atteso singolo di GIANNA NANNINI, che anticipa l'omonimo album di inediti in uscita il 15 novembre, a distanza di due anni da “Amore gigante”. Dalle ore 14.30 sarà online su YouTube il video del singolo, diretto da Charlotte Audrey e girato nella contea di Somerset in Inghilterra: www.youtube.com/watch?v=tXGBd2QTa9I. L'album “La differenza” (Sony Music), diciannovesimo disco in studio della rocker italiana per antonomasia, è già disponibile in pre order negli store di iTunes e Amazon. Questa la tracklist: La differenza, Romantico e bestiale, Motivo feat. Coez, Gloucester Road, L'aria sta finendo, Canzoni buttate, Per oggi non si muore, Assenza, A chi non ha risposte e Liberiamo. Il 30 maggio 2020 Gianna Nannini torna live in Italia con un grande concerto allo Stadio Artemio Franchi di Firenze! La prevendita dei biglietti ha inizio oggi per il fan club (alle ore 11.00), domani su Ticketone.it (alle ore 11.00) e il 19 ottobre nei punti vendita abituali (alle ore 11.00). In un periodo storico in cui spesso la realizzazione dei dischi è affidata prevalentemente al digitale, Gianna Nannini ha scelto di realizzare il suo nuovo album nei Blackbird Studio di John McBride a Nashville, Tennessee, nel regno dell'analogico, sede di grandi produzioni artistiche blues-rock. Il 19 ottobre Gianna Nannini ritirerà al Teatro Ariston di Sanremo il PREMIO TENCO 2019, il riconoscimento assegnato dal 1974 agli artisti che hanno apportato un contributo significativo alla canzone d'autore mondiale. GIANNA NANNINI durante la sua lunga carriera ha conquistato generazioni di fan con il suo marchio di fabbrica che unisce dolcezza melodica e trascinante energia. Con la sua presenza scenica unica e un approccio sempre molto diretto, Gianna in questi anni ha conquistato i palchi di tutta Europa, come certificato dagli innumerevoli sold out del recente Hitstory European Tour (2017), ed è considerata il volto femminile del rock per eccellenza!

Dai blog