Cerca

Tuffo nel passato

Il professore di Letta: "Avrei dovuto bocciarlo all'esame di storia contemporanea"

Marco Bassani, docente all'Università di Milano, ricorda i tempi in cui Enrico faceva Scienze Politiche a Pisa: "Se ripenso al suo esame di storia contemporanea..."

25 Aprile 2013

15
Enrico Letta

Enrico Letta

 

di Andrea Tempestini
@antempestini 

Mettici quel vecchio professore, che per inciso è un celebre storico italiano, mettici la bacheca aperta di Facebook e mettici la nomina di Enrico Letta a premier incaricato. Il mix può rivelarsi scomodo (per il presidente del Consiglio in pectore). Si scopre infatti - in attesa di eventuali smentite - che il nipote di zio Gianni non è affatto quel "secchione" tutto casa e studi che la sua immagine condita dagli occhialini tondi tondi potrebbe suggerire. L'imbeccata, come detto, arriva dal profilo Facebook del professor Luigi Marco Bassani, che oggi ha una cattedra all'Università di Milano, ma che un tempo - al tempo degli studi in Scienze Politiche di Enrico Letta - esercitava a Pisa. "Quando danno l'incarico di formare il governo a uno al quale hai fatto l'esame di storia contemporanea - scrive sul social, accessibile a tutti - ti senti un po' vecchio. Se poi ripensi al suo esame ti rendi conto che il Paese è alla frutta, anzi al Montenegro. Se il personaggio fosse andato bene a scuola non avrebbe fatto il politico". 

Raccomandazioni - Secondo quanto vergato sulla bacheca digitale dal professor Bassani, il nostro probabile premier, di storia contemporanea, saprebbe poco e niente. La ricostruzione si arricchisce di altri particolari: "Io lo avrei bocciato - prosegue il docente -, ma Are disse: bisogna tutelarli poveri democristiani, stanno scomparendo e poi poverino era in giro con Andreatta e non poteva studiare". Si parla di un fantomatico "aiutino" a quel giovane Letta, già così vicino alla politica che conta? Il terzo indizio per comporre la "prova" non c'è, ma Bassani ne snocciola un secondo. Sempre riferendosi a Letta, in risposta ai commenti degli utenti che piovevano sulla bacheca Facbeook, scrive: "Credo sia l'unico entrato al perfezionamento al Sant'Anna senza né lode né 110... Ma poverino doveva seguire Andreatta". La fantomatica "spintarella", insomma, sembra esserci stata. "Se volete - chiosa Bassani ironico - vi racconto che era un ottimo studente...".

Chi è Bassani - Il professor Bassani è uno storico delle dottrine politiche. Laurea a Pisa, studi a Pavia, Boston e Berkeley, in California. Federalista e indipendentista, fu un fedelissimo di Gianfranco Miglio, l'ideologo della Lega Nord, di cui è considerato il "figlioccio". Nel suo passato prossimo anche la candidatura con Fare per Fermare il Declino di Oscar Giannino alle elezioni regionali lombarde dello scorso febbraio. Dopo la "puntura" a Letta, su Facebook qualcuno ha criticato la "spietatezza" del Bassani. E così è arrivata una sorta di piccola retromarcia: "Per carità - ha scritto sul social - chiedo perdono. Non riuscivo a tenere il segreto dato che tutti sono convinti che fosse un secchione. A 26 anni non sapeva molto di storia contemporanea. Lo ho raccontato come paradosso, visto che poi ha imparato tutto su storia, economia ecc...". C'è da cogliere dell'ironia?

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • glosio

    26 Aprile 2013 - 12:12

    Non vuol dire nulla. Il business lo ha capito da tempo. Se molte aziende primarie sono ancora sul mercato è esattamente perché hanno smesso di seguire la selezione delle università. Ma la selezione se la fanno per conto loro su ben altri paramatri di giudizio. ASINI! Bravo Enrico, questa è LA patente di abilità e di qualità: il tuo ruolino di marcia politico. Dimostra il tuo valore ADESSO, mandando Berlusconi dove merita. Al demonio! Suo fratello. Sarà arduo ma meriterai il master di Harvard dopo! :-)

    Report

    Rispondi

  • glosio

    26 Aprile 2013 - 12:12

    Predere le misure delle qualità di una persona dai suoi vaoti è una sciocchezza. Nel business come in politica come ovun

    Report

    Rispondi

  • ginogenova

    26 Aprile 2013 - 10:10

    stanco di vent' anni di opposizione fatta contro gli uomini e non le idee stufo di vent' anni di telenovele istituzionali illuso dall' aver trovato un quotidiano leggibile, lascio. e finitela che la gente si ammazza o chiamatevi libero novella 2013. la ricerca spruriginosa dello sputtanamento sempre e comunque la macchina e della moglie del corriere il prof lo promuove perchè raccomandato 30 anni fa ha scoreggiato in chiesa e basta, che livello, neanche l' unità addio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media