Cerca

Manette

Matteo Salvini e la mafia, il punto di non ritorno del Fatto. Ordine: demolirlo come il Cav, schifo in prima

14 Giugno 2019

1
Matteo Salvini e la mafia, il punto di non ritorno del Fatto. Ordine: demolirlo come il Cav, schifo in prima

Ai capi di imputazione del Fatto quotidiano contro Matteo Salvini mancava solo la mafia. Obiettivo raggiunto, subdolamente, in prima pagina venerdì 14 giugno: la vignetta di Mannelli trasferisce a matita pensieri e parole del direttore Marco Travaglio, che da qualche giorno sta cavalcando la vicenda Arata-Siri per colpire direttamente il leader della Lega




Nel "suggestivo" schizzo del vignettista del Fatto, si scorge un Salvini intento a baciare il rosario, al grido "Matteo Messia Denaro". Un sapido, velenosissimo calembour che gioca con i nomi del Capitano, il suo ruolo politico da salvatore della patria (di sicuro, quella leghista) e gli affari legati all'eolico che hanno portato alle indagini sull'ex sottosegretario leghista e alle manette per Arata padre e figlio, ex consiglieri della Lega per le politiche energetiche. Risultato? Nome molto, troppo simile a quello di Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa Nostra tirato in ballo nella vicenda in quanto gli Arata erano soci occulti di Vito Nicastri, considerato vicinissimo al boss. Una equazione politica da sogno, per Travaglio.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ernesto1943

    14 Giugno 2019 - 13:01

    dal canile del fatto quotidiano cosa poteva uscire solo cani ringhiosi con la bava tra i denti.

    Report

    Rispondi

"Renzi non influisca sul governo". Boldrini, paura di perdere poltrone?

Scissione Pd, Matteo Salvini: "Storia annunciata, pensarci prima?"
Scissione Pd, AntonioTajani: "Fuoriuscite da Forza Italia? Non penso, il nostro elettorato è di centrodestra"
Davide Tabarelli, allarme per gli attacchi alle raffinerie: "Il pieno di benzina costerà 10-12 euro in più"

media