Cerca

ritratto

"Camilleri in punto di morte. Chi è, cosa penso di lui". La parola a Vittorio Feltri

19 Giugno 2019

6
"Camilleri in punto di morte. Chi è, cosa penso di lui". La parola a Vittorio Feltri

Andrea Camilleri è in punto di morte e probabilmente se ne andrà presto, come è ovvio che sia: un uomo, benché bravo nel suo mestiere, essendo giunto a 94 anni pur fumando montagne di sigarette (alla faccia degli antitabagisti), più che vecchio non può diventare. A tutti tocca andare al cimitero, lui non fa eccezione come non la farò io. Attendo il trapasso senza fretta, però so che arriverà. Mi preoccupa il modo. Più che il decesso temo la sofferenza che esso spesso comporta. Chiunque vorrebbe tirare le cuoia durante il sonno, non rendendosene conto. Ciò detto mi affretto a dire che Camilleri, per quanto comunista, aveva un talento notevole di narratore che me lo rendeva simpatico.

Egli ebbe un gran successo quando aveva superato i 70 anni. Non è una bella cosa affermarsi in età pensionabile, ciononostante è sempre meglio che non affermarsi mai. Alcune sue opere si inseriscono perfettamente nella tradizione letteraria siciliana, cito a capocchia Pirandello, Verga, Sciascia e ne trascuro altri per brevità. D' altronde la lingua italiana si è sviluppata in Sicilia per merito di Federico II di Svevia, sebbene in seguito sia stato ufficialmente adottato l' idioma toscano o, meglio, fiorentino. Segno che gli isolani padroneggiano il lessico e non stupisce che palermitani e catanesi siano diventati scrittori importanti, fondamentali.

Per approfondire leggi anche: Camilleri, il bollettino medico

Le capacità affabulatorie di Camilleri non sono in discussione, la struttura matematica dei suoi racconti è esemplare e ammirabile. Ma la sua testa matta, oltre che affascinante, desta qualche perplessità. Non riusciva a capire che il marxismo era già marcio ancor prima di imporsi. E quando esso si rivelò una bufala e svanì quale neve al sole, Andrea non ebbe la forza di riconoscerne il fallimento brutale. Rimase rosso ma non di vergogna. Egli ha rivendicato fino all' ultimo la sua adesione al bolscevismo. Tuttavia l' arte non ha bandiere, e quella di Camilleri va riconosciuta per quello che è: mirabile. Non tutta, ma quasi. Oggi, di fronte alla probabilmente prossima fine, riconosciamo allo scrittore ogni merito tecnico e a lui ci inchiniamo. L' unica consolazione per la sua eventuale dipartita è che finalmente non vedremo più in televisione Montalbano, un terrone che ci ha rotto i coglioni almeno quanto suo fratello Zingaretti, segretario del Partito democratico, il peggiore del mondo.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionebridio

    26 Giugno 2019 - 19:07

    Zingaretti si è confermato un bravo attore pure in politica. Va ancora dicendo in giro che il PD rappresenta il rimedio per l'Italia. Ma oltre che governare senza mai essere stato eletto dagli italiani, il PD è stato fermato in tempo per evitare che cominciasse a vendere il Colosseo a Bruxelles come sconto sulle demenziali regole economiche dell'Ue.

    Report

    Rispondi

  • myvoice2

    myvoice2

    26 Giugno 2019 - 13:01

    Feltri, my hat goes off to you.

    Report

    Rispondi

  • striref

    25 Giugno 2019 - 09:09

    Ho visto un paio di volte mezza puntata sennò minuti o secondi. Bellissimi panorami. Sarà che ho difficoltà di concentrazione ormai ma non mi ha mai preso...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media