Cerca

Battage

Sea Watch 3, Giorgia Linardi invita il capitano a violare le leggi italiane: "Devi farlo"

26 Giugno 2019

4
Giorgia Linardi, L'aria che tira

"La comandante della Sea Watch ha responsabilità legale e morale di portare le persone in salvo". Giorgia Linardi, portavoce della Ong che da 13 giorni è ferma al largo di Lampedusa con 43 migranti a bordo, ospite di Myrta Merlino a L'aria che tira Speciale su La7, insiste: "La valutazione è sua". La Corte Europea di Strasburgo per i Diritti dell'Uomo ha infatti respinto il ricorso della comandante Carola Rackete. E la Linardi, da par suo e nei fatti, la esorta a violare una nuova volta le leggi italiane, entrando in porto a Lampedusa. Stando alle ultime indiscrezioni, Sea Watch potrebbe violare il blocco già nelle prossime ore. A quel punto, in virtù del decreto sicurezza-bis, la nave verrebbe sequestrata mentre la comandante andrebbe incontro a serie conseguenze penali.

Giorgia Linardi a L'aria che tira, il video

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • greppio

    26 Giugno 2019 - 14:02

    Per questi imbecilli, violare la legge, a prorpio giudizio per dar seguito a una personalissima interpretazione della realtà, è lecito. Se è così urgente, salvare queste vite, la Sea Watch, che sa benissimo quale sia l'orintamento del governo italiano, perchè non ha fatto rotta verso Malta, la Spagna o la Francia? Basta con l'ipocrisia dell'imbecillità dominante.

    Report

    Rispondi

  • Anna 17'

    26 Giugno 2019 - 13:01

    In base alla Giurisprudenza esistente, chi affianca i delinquenti è un delinquente e va condannato. A quando questa cretina sarà associata alle patrie galere?? Oh per la cara ed oggettiva magistratura italiana devono essere condannati solo quelli di centrodestra ma mai questi schifosi di sinistra??????

    Report

    Rispondi

  • malassale

    26 Giugno 2019 - 12:12

    A reato commesso, vedremo come si regolerà la magistratura.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media