Cerca

Sfogo

Serena Grandi, voto a Salvini: "Ecco cosa mi è successo a Rimini, ho paura"

21 Novembre 2019

2
Serena Grandi, voto a Salvini: "Ecco cosa mi succedere a Rimini, ho paura"

 “Nella mia casa di Rimini sono venuti i ladri, qui c'è una grande delinquenza. Mi hanno rubato oggetti a cui tenevo molto, dei ricordi dei miei genitori”. A parlare, ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, è l'attrice Serena Grandi, che oggi è intervenuta nella trasmissione condotta da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari.

Su Instagram, dopo questo furto, lei ha fatto un appello a Matteo Salvini: gli ha scritto che ci vuole la ruspa. “Sì, mi piace la sua cultura e la sua identità, abbiamo bisogno di riconoscerci”. Non si sente tranquilla nella sua Rimini? “Il sindaco ha fatto tanto, purtroppo però c'è un sacco di delinquenza. Io non esco dopo le sei di sera”. Tra poco si voterà nella sua Emilia Romagna. “Io voterò per Lucia Borgonzoni: noi donne siamo fortissime, sappiamo come fare”.  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    21 Novembre 2019 - 21:59

    bene, ma purtroppo soprattutto i vip cambiano idea solo quando vengono toccati nel vivo dal problema ....... prima invece fanno i fighetti a dire che bisogna aiutare ... che siamo fratelli ... dare opportunità ..... e baggianate del genere. ...

    Report

    Rispondi

  • zagor1970

    21 Novembre 2019 - 21:33

    mentre viene indagato Salvini sulla questione immigrati, mentre le sardine cantano bella ciao in ricordo di una guerra finita da 75 anni, abbiamo la malavita non solo italiana che dilaga, gli spacciatori in ogni angolo, un'immigrazione senza + controllo, l'italia che ha perso la sua sovranità, le sue ricchezze grazie a chi ? ai fascisti o al Prode e compani? fate voi boh

    Report

    Rispondi

Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

Maria Giovanna Maglie, Stasera Italia
C'è un pinocchio e un grande Mes, scopriteli su Camera con Vista
Matteo Salvini allontana i giornalisti dallo stand della Lega: "Tanto scrivono quello che vogliono"

media