Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Massimo Giletti, la vittoria di Non è l'Arena: il sindaco di Mezzojuso lo insultava, Comune sciolto per mafia

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

È finita nel peggiore dei modi per Salvatore Giardina, il sindaco di Mezzojuso (Palermo) che lo scorso maggio, in diretta a Non è l'Arena, aveva dato del "farabutto" a Massimo Giletti finendo quasi alle mani con il conduttore del talk di La7, proprio nella piazza della cittadina siciliana tra gli schiamazzi del pubblico presente.   Leggi anche: Il sindaco lo insulta, la folla applaude. Pazzesco Giletti: scende e li sfida La ministra dell'Interno Luciana Lamorgese ha infatti deciso di sciogliere il Consiglio comunale, mandando così a casa la giunta di Giardina, per il sospetto di infiltrazioni mafiose. Proprio l'accusa delle tre sorelle Napoli, che spesso ospiti di Giletti avevano denunciato le pressioni e i soprusi di chi cercava di obbligarle a vendere terreni di loro proprietà. Dietro le motivazioni tecniche di quella vicenda in apparenza privata, ha spiegato spesso Giletti, c'è "invece un malessere strutturale, non solo l'invasione delle vacche, cosa già di per sé grave. Un mondo inquietante, fatto di omertà e paura". Un'atmosfera che ha convinto poi la Lamorgese a decretare il fallimento della politica a Mezzojuso. Domenica sera, a Non è l'Arena, le sorelle Napoli commenteranno la vicenda con una nuova diretta dalla Sicilia.

Dai blog